Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

Blog

Ci sono posti e ragazzi

Ci sono posti e ragazzi a Lajatico (PI)

Qui, dove certi gialli son "terra di Siena" e sottili longilinei bronzetti etruschi funerari, son "l'ombra della sera", dove le ubertose colline a grano, reticolate da verzure spontanee, in teorie di poppe sono ricamate di viti e olivi, dove la modernità avanza spopolandole quasi e distende una solitudine aliena, un nostalgico, romantico poetastro (io) indìce un concorso di poesia per alunni delle elementari, e lo chiama : "Ragazzi di_versi". Quest'anno (è il secondo che si tiene) sul tema "Dalle colline"così scrive, una bambina di 5a elementare:
 
Giulia Quarratesi
 
 
Gli alberi creano contorni
come serpenti
l'erba è più scura tenebrosa
delle colline boscose
contro il chiarore lunare
dei campi arati

Sguardi

Un battito di ciglia
come un sospiro
come un velo sulla Luna.
Se gli sguardi fossero
posati all'orizzonte
quando il crepuscolo
s'acquatta al limitare del tramonto
ecco che volerebbero via
verso quel mondo ignoto 
dentro noi.

Silenzi

SILENZI

Silenzi: troppo sordi, striduli
arroganti.
Silenzi di pagine
già troppo lette.

Silenzi urlati
dove l’eco è distratto.

Silenzi di bombe esplose nel cuore
su macerie ancora abbandonate.

Scende la notte
i Silenzi parlano ai cani randagi.

Orofiorentino

La zia

I racconti lunghi, sembrano, non raccogliere gradimento ma ho voglia di presentarvelo. Ha vinto un premio a Mestre nel lontano 1983:
                                    
                                         Zia. La chiamavo zia ma in realtà non eravamo neppure parenti
 
Era venuta ad abitare vicino a casa mia da circa dieci anni.

Vedova, abitava da sola. Quando era arrivata aveva già settanta anni ma non li dimostrava. Agile e deliziosa, si vestiva con cura, le piaceva condurre una vita confortevole e dignitosamente vivace.

È proprio vero che gli anni non si misurano dalla nascita ma dall’aspetto e dallo spirito che una persona conserva dentro se stessa.

Eppure aveva avuto una paralisi facciale, qualche anno prima e il suo cruccio era quella bocca leggermente storta che ogni giorno, guardandosi allo specchio, cercava di correggere. Con un po’ di trucco leggero e garbato e un po’ di ginnastica facciale inventata da lei, ci era riuscita, si avvertiva appena e la sua vita scorreva tranquilla.

              A ottantasei anni, la guardavo ultimamente in quel letto rivolta spesso a guardare le due foto ben incorniciate ed esposte sopra il comò: una del marito, da tempo scomparso, ed una dei suoi passati trent’anni.

averti come padre

Farsi colore un sogno d'aria
nelle tue dita
sento.
Tu che fiore e mare o casolare
alla luce inventi.
Mi dici che l'arte è musica
che ulula estrema al cuore.
Averti come padre
mi lascia serenità alla radice.
Di te uomo
ogni giorno amo invenzione segreta,
morso d'arcobaleno che fugge.

Il Colore della Fine (Iro no owari – haiku)

Il Colore della Fine (Iro no owari – haiku)

Inconsapevole,
recita la Bellezza.
Foglia d’Autunno

Marc Chagall birthday

Marc Chagall birthday

Marc Chagall birthday

 

Frammenti di Rosso Venexiano

tag: Vernissage

Notte di luna

 

Luna, tu luna, in questa pace occidentale se
fuggono le stelle e a poco a poco
tutto riapparirà, le transenne oltre il vento
le sbarre per passare si alzeranno,
non chiedermi Luna, ragazza Luna,
dove arriva il tempo, dove arriva la cripta
per decriptare la vita. Il viatico è teso
è il risveglio e tu, aiutami, lettore
di neve pura, non ipocrita fratello

 

Noi di Rosso Venexiano

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1508 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • woodenship