Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Nuvola93
  • Paolo Melandri
  • Leopold
  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti

Blog

parole formiche

forse presto un giorno lo distruggerò
questo formicaio di parole espresse
che dai cunicoli dell'anima sono
in quelli della mente passate stipate
prima trasportatrici di emozioni
intense immediate commoventi
in un viavai fattivo continuo attivo
or son un casellario mnemonico
neppur tanto efficiente che spesso
non ricordo più di averle scritte.
da laboriosi imenotteri dei sensi
in flussi continui di associati versi
hanno fluito per tanto tempo ormai
diventando gangli del mio sentire
e da giorni dopo giorni son blese
espressioni d'una vita che ha
un tormento solamente : essere.
migliaia di ettere sono diventate
laboriose ma solo meramente vive
se nuova linfa non portano
al modus mio vivendi che ne farò
semmai dovessi ancor vivere tanto

 

La gatta

E' inquieta la gatta
sente il tempo che cambia
nervosa addenta l'erba
fiuta attenta per l'aria
e nessuno più vola
neppure zampetta o striscia
perchè a giocare s'allegra
con graffi e morsi a chi acchiappa.

L’amore al tempo delle rocce povere.

 
 
Lavoro tufo e ansimo ragioni
come scheggio il fronte
mangio scheletri di fame e antidoto di sete
da quel che sudo
arranco di scalpello e inculco alla roccia dimensione
difficile abbracciarti con solo mani antiche
a nodi a calli a disillusione
dai palmi neri angustio
il seno che ti onora
dolcezza che impressa a secco
sulle nocche
schiocca
 
la bocca al sole
evapora sostegno al cuore
 
tremo per lastre al colpo netto
come tra i massi
il petto
stretto

Sensuali melodie

In questa notte
dall'aria limpida
la luna disegna
corde d'argento
sulla tua pelle nuda.
Per me e le mie dita
un invito a comporre
sensuali melodie
da scrivere insieme
sul pentagramma dell'amore.

Franco

golosa

mezzogiorno di sbieco
resta, ma vattene
anzi dimmi che vuoi?
-t'ho portato una moneta di latte-
lo berrò a piccoli sorsi
scaldandolo tra le mani

 

Le prime tracce del tempo

Filigrana bianca accartocciata
fra i capelli neri già diversi.
Insinuanti raggiere di spine
agli occhi e in mano assolutamente
niente o qualche speranza e una paura.

Graduale

Di tua radice e cenere rimane,
tra terra ed aria,
solo un profilo in controluce
con un ultimo battito di fiamma,
in sospensione fievole.

Coi miei brandelli e lividi ritorna,
tra rancori e anima,
un sogno sorto al plenilunio
nei lieti canti di giovani sguardi,
col timbro di un miraggio.

Del loro soffio d’uomini mi penetra,
tra volti e voci,
un suono che trema nella notte
con un amore in bilico nel sangue,
attaccato alla vita.

Da un qualche vento rigido d’inverno
mi assolve il volo grigio dei passeri
col fuoco dei bivacchi per la strada.

Al Castagneto

Risveglio Nel Castagneto

E' assieme quel soffio di fresco autunno
con le grida dei bimbi al mattino
a inaugurare il nuovo giorno

Negli occhi un carosello di colori
e quell'oro dei castagni che prende
dentro gli occhi e in fondo al cuore

Infinitamente
Un abbraccio

 

Quando ti svegli.

 
 
Quando ti svegli hai occhi minuti
per la lente del giorno che li ingrandirà
e gesti infantili che si aprono lenti all'agguato del sole.
 
Schiarito il velo della notte,
appaiono le orme dei tuoi sogni
fuggiti come prima della neve nel letargo fino a sera.
 
Poi, supponendo che la brezza del mattino
sia giunta fino al letto a sollevarti,
ti osservi dalla sponda aprir le ali
e come braccia nude muoverle in volo.
 
Così,
andando dal tuo sonno ad un sorriso,
addormentata donna
ti svegli come cigno.

Io sono l'amore rinnegato

 
Io sono lo scirocco caldo
che invade la tua pelle-poro
dilatando a dismisura ogni piacere

sudore – brivido- tentazione

ho una rosa di sale tra le gambe
e l’umido tepore della notte
una risata tra i capelli e l’opale nel cuore

sudore – brivido – calore

ho un veleno intrigante e maturo
un tocco che sa penetrare la rugiada
una poesia ammaliante che trapassa

sudore – brivido – eccitazione

La mia ragione intinge sensazioni
rimescola nel ventre la pioggia con la neve
e si fa brina ogni spalla che offre

sudore – brivido – tremore

Sono il peccato primordiale
l’invito del serpente tentatore
la vocazione della spiga e del papavero

alito-sussurro-carezza

Io sono femmina e pure maschio
la bramosia dell’ambrosia
il labbro che incatena il labbro

sospiro-musica-fruscio

Sono l’umido che lubrifica i silenzi
il brivido che non conosce povertà
sono la tentazione della penombra

palpito-gemito-graffio

Sono l’eccitazione della trasgressione
il tremore di un attimo senza dolore
il sogno che si bacia in bocca

passione - erotismo -  ardore

Io sono lo scirocco dolce
la fede a cui si crede privatamente
quando la notte colora le lenzuola.

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1636 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin