Danila Corlando - Infanzia | Poesia | Maria34 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...

Danila Corlando - Infanzia

 
Tintinnano voci antiche,
visi lontani, palle avvelenate,
fiocchi di seta e sapori di menta
nelle strade vuote.
Segnare i giorni
con gessetti colorati
su marciapiedi da fiaba.
Regina reginella,
io sarò la statuina
che tu sceglierai
regalandomi il sole.
Farò mille passi
da leone
e mangerò il dolore.
Non chiederò perchè,
non oggi,
seminerò i miei dubbi
dentro il cuore
per le mie lacrime future
e quel nero profondo
delle perdite.
Non ero una formica,
ero molto di più
ero una stella.
Non avete visto la mia luce?
Lei mi ha scaldato nel mio viaggio,
dolcemente,
cullandomi come una madre.
 
                  Danila Corlando
 
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2054 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.