L'Ade contemporaneo | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

L'Ade contemporaneo

 © ThrasHAleXiS
 
 

L'Ade contemporaneo

Assai tempu
mi ni stesi ccà,
ni lu regnu di la tenebra
e d'eterna paci chinu.
Troppi li duluri ca suffrii
sutta a sta città
marturiata di li genti,
di la so 'gnuranza.
Biddizzi vogghiu cuntari
a stu munnu
ca non canusci tregua.
Vogghiu cuntari a me storia,
a storia di lu dio ca non si viri,
ma ca sempri ccà stesi.
Ccà, sutta a sta terra
di lu vulcanu figghia,
ca pigghiai sutta a me 'nsigna
e purtai a la gloria di li Dèi.
Chista è la me bedda Sicilia,
di la Catania splendenti,
'ngustiata pi troppu tempu
di li cristiani* sciocchi.

*da noi (e non so se in altre parti d'Italia), cristiano/i è sinonimo di individuo/persone.

Alexis
30.06.2009

 

 

TRADUZIONE


Per lungo tempo
rimasi qui,
nel regno della tenebra,
pieno dell'eterna pace.
Troppi dolori ho sofferto
sotto questa città
violentata dalle genti
e dalla loro ignoranza.
Voglio raccontare delle sue bellezze
a questo mondo
che non conosce tregua.
Voglio raccontare la mia storia,
la storia del Dio invisibile,
ma che da sempre regna in questo luogo.
Qui, sotto questa terra
figlia del vulcano,
terra che ho accolto sotto la mia effigie
e che ho portato alla gloria degli Dèi.
Questa è la mia bella Sicilia,
dalla Catania splendente,
angustiata per troppo tempo
dalla stoltezza degli uomini.

Alexis

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 2155 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • woodenship
  • live4free
  • Marco valdo
  • Danielle