introspettiva | Tags | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

introspettiva

Nella pietà di questo silenzio

nella pietà di questo silenzio
muove la luna sugli alberi, più lontana 
di ogni salita
 
nel bianco delle mani
io reggo la tristezza, e
il nero della via
 
goccia a goccia
e viva.

maglioni gialli

Le ante dell'armadio erano spalancate, un buio fugace da cui entrava ed usciva Elide.

Un leggero ticchettio pareva quasi ritmarne i gesti rapidi, a tratti pensosi, nell'esaminare se le tarme avessero rovinato o fosse il caso di conservare capi troppo frusti.

Inno all'amore

Fiore
tra i petali di un giardino
si nasconde calda
la tua sensuale cavità
 
e tu
consapevole d’esserlo
 
provochi incessantemente
in me
un  pensiero ribelle

L'onda lunga

 
I nipoti a volte mi chiedono di raccontare la mia infanzia, cosa che io faccio con riluttanza, perché mi sembra di averne un'immagine indorata dagli anni, non davvero veritiera, eppure profondamente ancorata nella mia memoria...
 

Quattro braccia di mare

Attesa dietro la porta
la vita
è nell’altra stanza.
 
            dove ho messo
            le chiavi?
 
-conosco queste mura-

Tepore

Un fuoco,
un camino,
persiane che si chiudono,
tepore di lenzuola.
Tra le fessure dell’anima
si insinua la notte.
Sottile,
infida,

Luminosa stella

Resta aggrappata
al cuore
l’esile figura
dell’ anima tua
 
luminosa stella
del buio cosmico
che s’è persa
nell’infinito
 
mi parla ancora

Dalle ore 24 alle 0:6 del 25 Aprile

Luce del mattino s’impone,
ho! ... , guarda,
sorge un’altra alba.
Connessione confusa
tra strategie di geometriche attese
di quinte aristocratiche vuote
stanche di pseudo ambiguo intellettuale narcisismo
lattescente visione di volti e corpi neutrali

opposizione

Perché ti risvegli dal lato opposto della vita
nell’incognito pensiero che nulla prova
che tu sia vivo nell’oscuro giorno del mortale respiro
qual è l’ingresso che non appare alla cecità del sapere
dove il tempo batte la sua angoscia immortale
e si dispera che il morire del presente non esista

Dei miei giorni, dei muri e di strade strette

 
dei  miei giorni
[appuntati di schiena ai vetri]
ascolti l'immobile misura

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2014 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free
  • luccardin
  • Danielle