Mi fingevo ambulante (*) | Poesia | Giuseppina Iannello | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Gloria Fiorani
  • Antonio Spagnuolo
  • Gianluca Ceccato
  • Mariagrazia
  • Domenico Puleo

Mi fingevo ambulante (*)

Mi fingevo ambulante
per poterti vedere
e vendevo le castagne
per poterti trattenere.
Le candele erano accese
e in quel freddo carnevale;
tra i coriandoli e le sete
ti ho sentita sospirare.
Ma le dame e cavalieri
continuavano a danzare.
Mesta uscivi: ti ho veduta
e ti volli salutare.
-Tu mi guardi e non parli,
signore… ma perché non
rispondi al mio cuore?
-Mi son detta che foste
il mio amore.
Non tremare… ma dammi le mani.
Non danzare… ma pensa
all’afflato che oggi unisce
due teneri cuori.
 
(*) Romanza ambientata nel ‘700.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2602 visitatori collegati.