Pensieri sur treno (satira) | melenserie | enio orsuni | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...
  • Ardoval

Pensieri sur treno (satira)

Un fatto che successe sopra ar treno.
Staveno solo in cinque ner vagone:
un romano e ‘n tedesco, -un ber biondone-
‘n òmo, la fija e la moje. Molla er freno.
Se parte, er treno lassa la stazzione
e core core su la ferovia,
doppo se infila pe’ ‘na galleria
e se smorza la luce ner vagone.
 
Subbito se sentì scrocchia’ un bacetto
e appresso l’eco de ‘no sganassone,
tornò la luce e tutte le persone
se guardòrno co’ un aria de sospetto.
 
         “Li pensieri der padre”
Ma li mortacci de ‘sto gran  zozzone!
Ma pe’ fortuna che cià già beccato,
perché si così nun fosse stato
sarebbe de mettello a pecorone.
 
            “Li pensieri de la madre” 
Ma guarda si che te va a capita’.
Ma ‘sta fijetta mia già piace a l’òmo?
Però e onesta, l’ho sentito er sòno
de lo schiaffo che ha dato. Nun ce stà
 
            “Li pensieri de la fija”
Hai visto mamma, pure a quell’età
ancora piace, pure si è tardona.
Se vede che pe’ l’òmo è ancora bòna
però mena, se fà rispetta’.
 
       “Li pensieri der tedesco”   
Cose così io nun l’avevo mai viste,
sa pensa’ solo ar ar sesso l’italiano.
Le donne poi ce vanno pe’ le mano
e m’è toccato annacce pe’ le piste.
 
         “Li  pensieri  der romano”   
Guarda come me fissa, ‘sto fregnone!
Pensavi fosse micco ‘sto romano?
Me so’ dato un bacetto su la mano
poi t’ho ammollato quello sganassone...
 
            Er pensiero mio
Io penso che, si pure te ce sforzi,
t’accenni e giri er monno, e vai lontano,
lo trovi un artro come ‘sto romano?
Io penso che ritorni e poi te smorzi.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1748 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free