Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Lunachiara
  • cuoreinfranto
  • Valentina Gatto
  • teresa mancini
  • Loryincerti

Er suggerimento de DIO

Er suggerimento de DIO
di Ernesto Rivabene
 
Quanno te se smorza la luce della speranza,
e te se intorcinano le interiora della panza.
Quanno che l’amici te parono distratti,
che pensano a te, si, ma quanno je pare, a tratti..
Quanno er lavoro manca, o c’è sta’ troppo
e lamentasse diventa como l’oppio,
t’annebbia la vista, e te fa orbo
e nun capisci niente, e te sembra d’avecce un morbo.
Quanno che parli troppo o troppo poco, e fai figuracce
perchè quello che dici te parono solo fregnacce.
Quanno che pensi che nessuno te po’ capì.
Quanno che co’ tutti, c’hai sempre da ridì,
anche co’ chi te vole bene, co’ chi sul serio te ne vole
rischianno poi dè brucià tutto, dandoje le sòle..
Così quanno che me sento strambo e senza sonno,
manco me pja de dì gniente,
vorrei sortì fora dar monno,
scappà da tutta ‘sta gente..
Trovà un buco dove rifuggiamme,
ma solo per quer tanto che serve pe’ ripiamme.
Indovè nun c’è lo so davvero,
però lo sogno, lo anelo..ce spero.
Poi me sfogo e me viene da piagne,
como se prendessi dar foco le castagne; 
penso a mi madre, a mi nonna e a li cari tutti
che so’ annati in cielo, lassù..
Ah, quanto me piacerebbe rivive pe’ attimo senza ‘sti lutti
e continuà co’ loro la vita de quaggiù.
Poi ce prego un attimo e me ripìo e me faccio puro un sorriso,
“Ma che fesso”, me dico, “loro stanno in Paradiso!”
Po’ sembrà solo ‘na rima baciata, quasi banale
che te riaccòra quanno che lo sconforto te fa male.
Però la Fede ner Signore serve propio a questo,
e così nell’animo ‘na voce me dice: ”Ernesto,
abbi fiducia in Me e nun crede alla morte,
piuttosto campa sereno e nun crede alla sorte..
Pensa piuttosto a chi sei, a come sei cresciuto.
Tutto fa parte d’un progetto, un progetto pasciuto,
ripieno d’amore, lo stesso che hai addosso
che parte da tu madre e chi je stato appresso.
La Speranza, l’Amore nun so mica storielle,
 nemmanco la Vita, o la Morte..so’ tutte Sorelle!
Accompagnano l’omo a cresce nel rispetto,
come disse Francesco, er santo cor foco nel petto.
Accompagnano te a ricordatte chi sei stato, chi sei e chi sarai.
Dallì ce vedono mejo e possono pregà pe’ quello che farai.
Nun è pe’ loro che devi da soffrì, loro stanno sicuramente mejo.
Adesso sei tu che devi fa sul serjo,
Rimetti apposto tutti gli affanni,
pregace sopra e lavate i panni.
Campa sereno, pensa a dà forza a chi te sta’ accanto,
e nu te scordà de fallo con gioia, come fosse un canto.
E’ così che te vojo, mai moscio, ma gajardo e forte,
sempre teso alla Vita, all’Amore perché credice:
                               IO sulla croce ho sconfitto la morte!”
 
Tutti i diritti riservati © sitoesterno@inwind.it
 

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 8 utenti e 1719 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Eleonora Callegari
  • ferdinandocelinio
  • taglioavvenuto
  • luccardin
  • Ezio Falcomer
  • Gigigi
  • ciommo82
  • Grazia Denaro