Scelti per voi

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Whiteswan
  • bluscuro
  • Schiappa71
  • perseo17
  • Nadia C.

La favola nòva

-Nonnetta bella,
ricconteme ‘na bella favoletta.-
-Quella der gnomo e de la fravoletta?-
-No, quella la so!       
Ma intanto che me magno ‘sta ciammella   
te potressi però
contanne un artra nòva.-
 
-Un artra, propio nòva, e che ce vo’?
Aspetta un po’ un momento
che nonna fa la prova,
adesso me la invento!
 
C’era ‘na vorta un chicco d’uva nera,
contento de sta’ ar monno.
Però ciaveva tanta nostargia
de anna’ a trova’ su’ nonno.
E così lui na sera,
armato de l’ardore giovanile,
prese giacca e fucile
e se ne annò fischianno pe’ li campi.
 
Ma, nemmanco arivato ar crocevia,
-Dio ce scampi-
incontrò un vecchi amico
che stava appeso a un arbero de fico.
Er quale, ner vedello passa’ sotto,
je disse: -Fermo lì, dimme indo’ vai!-
 
Allora er chicco d’uva, capirai,
arzò l’occhi de botto.
E lì, ner chiaroscuro de la notte
nun riconobbe l’amico suo de scòla
e je rispose: -Vado indo’ me pare!-
Ma er fico j’arispose: -E’ ‘na parola!
Qua è tutta robba mia caro compare.
E su ‘sta propietà
nisuno ha da passa’
sinnò mo scenno e te do un po’ de botte. -                        
 
Ma ne la notte carma                                                             
er chicco puntò l’arma
e, punfete, ‘na botta che sconquassa.
E così: er fico... secco e l’uva... passa!
E io te ciò infarcita la ciammella
che hai preso adesso drento la scodella.
 

Cerca nel sito

Calendario 2017 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2879 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • live4free
  • nickandclick