Chi la sa l'aspetti | Filosofia | sid liscious | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

Chi la sa l'aspetti

La vuoi una gomma da masticare che a guidare t'annoi?
«Cos'è alla mela verde?».
Una roba del genere.
Dai prendi.
«Ma sì dammi qua. 
Ooops cavolo che mani di cacca m'è scivolata.
Aspetta guardo qui tra la leva delle marce ed il porta oggetti e»...
E bang, bum, pam, crash, quattro morti contro un pilone frontalmente ai centocinquanta all'ora in autostrada, Ciaci.
Per colpa d'una distrazione da gomma da masticare, Ciaci.
«È successo a te, Pepe?».
Io ero quello che offrì la gomma maledetta, Ciaci.
E stavo seduto davanti sul sedile di fianco al guidatore, Ciaci.
Uscii dalla macchina senza nemmeno un graffio, Ciaci ed i miei amici morti sul colpo, Ciaci ed io che cercavo di rianimarli, Ciaci e le sirene, Ciaci ed i soccorsi e non c'è mondo che tenga, Ciaci. 
Dovevo assolutamente sentirmi in colpa.
Al che dapprima tentai di dividerla con la proprietà dell'autogrill, Ciaci, dopo con la ditta produttrice, Ciaci, in seguito con chi aveva ordinato la posizione del pilone e poi perfino con la scarsa presa del mio amico disattento, bensì non c'era niente da fare, Ciaci, qualora io non avessi comperato, gradito ed offerto nulla sarebbe accaduto, Ciaci.
Nulla.
«Però Pepe...».
Aspetta, Ciaci, per favore non cadere pure tu nel sei stato fortunato a cavartela che volendo non ho finito, Ciaci.
«Come sarebbe, Pepe?».
Sarebbe io ero l'unico dei cinque savio da bevute abbondanti e canne e coca, Ciaci.
Ora capisco di quei tempi guidare sballati fosse normalità assoluta, soprattutto nei giorni festaioli e di viaggio, Ciaci, indi non sto a torturarmi con cavolo dovevo almeno guidare io, Ciaci, se non che qui m'entra in ballo un'altra faccenda, Ciaci.
Giusto io, Ciaci, vale a dire l'unico non fatto del momento, che combina il guaio universale, Ciaci.
Il contrario di qualsiasi logica, Ciaci.
Un'aberrazione della realtà, Ciaci.
Loro sballati e conciati tali stavano non avrebbero avuto alcun problema, Ciaci e si mette di mezzo un cretino che vuole fare il moralizzato e la persona perbene ed è la fine, Ciaci.
È la fine.
«Veramente non so che dirti, Pepe, una catena d'avvenimenti incredibili t'è successa in quei frangenti. 
Non ci sono parole per consolarti».
Nonostante tutto sai, Ciaci, comunque mi sento di dire una cosa però l'ho imparata.
«Dimmi Pepe».
S'esiste legalità capace d'innescare una fatalità, be' allora mai esisterà una legge che il destino sostituirà.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 1513 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Danielle
  • Nievdinessuno