_.Panico._ | Poesia | live4free | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...

_.Panico._

Panico
Preme
_un nugolo di sensi_
stritola il petto
il respiro va a vuoto 
e un sospiro si tuffa dritto nello stomaco
_poi di colpo allenta_
lasciando braccia molli
e ombre nella testa. 
 
Spossata
_per un attimo non mi oriento_
[poi mi ricordo]
solito crollo nel mio fedele inferno
[sordida, familiare poltiglia
di abissali paure e irremissibili colpe]
 

 #
Come un tuffo al cuore, o, meglio: una secchiata d'acqua gelida... comunque qualcosa che sconvolge e sprofonda nell'abisso. Cosa peggio dei sensi di colpa per farci vivere l'inferno per quel che è?
Come sempre molto incisiva, intensa e sentita.
un abbraccio
........W.......
 

ritratto di live4free
 #
Si caro, un vero tuffo al cuore che devasta tutto intorno. Ma poi dopo, c'è tutto il resto, che dolcemente lambisce e argina. Grazie. 
 

ritratto di Marina Oddone
 #
Lo conosco purtroppo ed ha avuto altre conseguenze nascono da troppa rigidezza che è in noi per cercare di sopportare delle emozioni...bisogna trovarle e cercare di combatterle...un carissimo abbraccio di cuore
 

ritratto di live4free
 #
Lavoro lungo e impegnativo che richiede grande volontà. Un abbraccio a te cara. 
 

 #
Aderente descrizione degli effetti. E pare debba essere percorso interamente il corso, altrimenti sono invase le laterali, aggravando …   Un abbraccio.
 

ritratto di live4free
 #
Un corso che si ripete, all'improvviso e senza preavviso. Arriva, scombussola e se ne va. Grazie. 
 

ritratto di live4free
 #
E tu sempre attentissima nel cogliere in ogni mio verso l'intento e il travaglio che genera il desiderio di condivisione. Grazie mia cara! 
 

ritratto di Virgo
 #
Il nostro "io", il nostro "essere", può rappresentare il luogo più sicuro in cui rifugiarsi, ma alle volte, come l'antro di una grotta buia e sconosciuta, può nascondere le ombre più temibili, che sono le nostre paure, le nostre fragilità, le nostre colpe. Spesso siamo i nemici più spaventosi di noi stessi, ci leggiamo dentro pagine sconosciute e troviamo pensieri che sembrano non appartenerci. E, come punizione, il nostro corpo si scuote, ansima, suda travagliato... Ma poi si ricompone, cerca altre dinamiche, e torna ad essere l'esploratore di se stesso in un altro  viaggio... Interessantissima composizione, cara Live, Un abbraccio.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 3741 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Raggiodiluna