Nun dà retta | dialetto | Giovi55 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Roberto Farroni
  • sergio de prophetis
  • Lucia Lanza
  • Giullare della morte
  • Vittorio Lucian...

Nun dà retta

Nun dà retta a cchi dice: "te voglio bbene..."
e nun appena t'aggire piglia 'a mira
e tte culpisce e tte ferisce ê spalle,
senza pruvà scuorno, né ppietà.
Nun dà aurienzia a cchi nun te capisce,
te dice cose bbrutte e tte ntristisce
e ppropeto quanno t'ha dda aiutà,
se nne va...e tte lassa senza salutà.
Nun dà retta a cchi dice: "nun si' bbuono."
A cchi pretenne e nun perde ll'occasione
e te ciaccà e ppazzea a tte fa male
e tte lassa struppiato, senza te curà.
Nun dà retta a cchi dice: "te do' na mana..."
e po' bbello e bbuono s'alluntana...
propeto 'int'a cchillu preciso mumento...
ch'haje cchiù bbisogno 'e t'appujà.
E no, 'e ccose ccà nun vanno bbone
e nniente propeto va p' 'o verso giusto:
nun se riesce a ttruvà cchiù chillu gusto,
ca sulo 'e ccose bbone sanno dà.
Nun dà retta â ggente che pprumette
e spisso e vvulentiere nun mantene:
fa sulamente chello che ccummiene;
pecché 'e nisciuno cchiù te può fidà.
Ê vvote truove ll'amico che ffà 'o simpatico
e ttene ll'atteggiamento democratico,
ma tene pronto 'o curtiello a serramanico,
ggià bbello e ppronto pe te pugnalà.
E i' rummango sempe cchiù perplessa,
credo sempe 'e cchiù sulo a mme stessa
e qquanno 'e ccose nun me vanno bbone,
ggià saccio cu cchi mme ll'aggi' 'a piglià.
Nun dà retta a ll'omme c' 'a barba longa
chillo ca tutte chiammano "babbo natale"
e ttutte ll'anne se veste tale e qquale
e tte parla 'e nu munno ca nun ce sta.
Nun dà retta a cchi prumette 'o mare
e po' te dà sulo nu surzillo d'acqua:
spisso tene 'a capa tutta sciacqua
e tte lassa cu 'a vocca secca a bboccheggià.
Nun dà aurienzia a cchi dice: "te so' ffrate
e po' nun appena t'aggire piglia 'a mira
...e qquanno meno te ll'aspiette...
te culpisce senza pruvà pietà.
Nun dà retta a cchi va a nu funerale
e nun appena vede 'o muorto.
dice: "mme dispiace comm'è mmuorto...
se n'è gghiuto 'o meglio ommo d' 'a città."
Se piglia 'o mmalamente, se scarta 'o bbuono
e nun se capisce cchello ch'a ggente dice:
spisso se cuntraddice e mme fa penzà,
a comm'è addeventata faveza ll'umanità.
E i' rummango sempe cchiù perplessa,
pecché pozzo credere sulo a mme stessa.
E si 'e ccose po' nun me vanno bbone...
ggià saccio cu cchi mme ll'aggi' 'a piglià.
Giovanna Balsamo
i miei scritti
https://m.facebook.com/.../Pers.../BalsamoGiovanna/posts/...

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 1290 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin
  • woodenship