dentro la testa, c'è di tutto e di più... anche di meno (e lo spazio è quel che è)- l'evoluzione di un pensiero | [catpath] | Manuela Verbasi | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Lucia Lanza
  • Giullare della morte
  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip

dentro la testa, c'è di tutto e di più... anche di meno (e lo spazio è quel che è)- l'evoluzione di un pensiero

Io me la immagino con dentro uno stendino aperto, pieno di mutande e reggiseni, canottiere da muratore, un servizio da 16 di pedalini naturalmente bucati fronte alluce e lisi sul tallone. Nemmeno le calze si asciugano più! e san di muffa...1]
Piatti sporchi di sugo e avanzi di scarpetta, un telecomando unto, peli pubici nel lavandino, il letto fatto troppo bene, c'è chi sputacchia le unghie mangiate e le lascia in giro, lo scarico della doccia è intasato dal calcare, 'ste cazzo di tagliole non funzionano meglio provare con gli ultrasuoni, la tv sempre accesa, Platone e Bruno Vespa.2] 
Uno spazio riempito di tutto, giornali vecchi ammassati che fra le pagine hanno adottato colonie di ragni e larve ora secche, pure bozzoli di farfalle ora in paradiso, e gocce d'olio  di qualcosa appoggiatovi sopra prima o dopo. Il peggio sono i locali di stoccaggio, cantine e dispense, nell'orrore di trasformazioni organiche, vi si può trovare ogni forma di batteri, muffe e insetti, qualcuno non ancora catalogato dalla scienza ufficiale. Una patina di colla riveste i pavimenti, gocce dense formano stalattiti sugli stipiti e una patina di grasso e polvere ricopre il tutto.3]
Me l'immagino con quell'odore di stantio delle vecchie soffitte coi vecchi bauli di cartone e il loro fetore di umidità, caratteristico. Ecco perché talvolta se li guardo negli occhi scendono ragnatele neon, gocce cristallizzate ex polvere, ecco perché. In quelle teste inizialmente vuote, poi troppo riempite di nozioni e moralismi, calcate per farcene stare un sacco, informazioni capite a tratti, scoperte di già scoperte che era meglio coprire, come i genitali nei luoghi pubblici, che non si possono certo sfoggiare con disinvolta malata porcaggine e fingere sia normale.  E poi con il freddo di oggi!
 
 
<<Sono un uomo strano ma sincero... cerca di spiegarlo a lei, pensiero>>, cantavano i Pooh e lo facevano per lui.
 
 
 
 
in corsivo:
 
1] di Viola - in Viola veritas
2] di Matteo - crobiotermi
3] di Francesco -lepold bloom

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 1591 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • Rinaldo Ambrosia