Se ignave andrebbero mozzate | Poesia | Bruno Amore | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Lucia Lanza
  • Giullare della morte
  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip

Se ignave andrebbero mozzate

 
 
Smettesse quella cicala di frinire
di tubare la tortora sul cipresso
ho avuto una notte ... senza fine
corpi di donne e bimbi qui d'appresso.
Di giorno è ancora peggio non temere
sul giornale le notizie fanno ruggine
nessuno sa bene cosa o vuol sapere
tace ascolta il suono delle buccine.
Non è lamento ma solo invocazione
non deve il coro di sordi e di ciechi
essere solo a celebrare le funzioni
della vita i misteri sempre ci spieghi
e gli altri a sopportar tribolazioni.
Chi è satollo quando c'è chi ha fame
vomitasse ogni pane interamente
ché sulla terra tra tutti c'è un legame
ci sfama non sia che a molti tocchi niente.
E non salva avere fronti aggrottate
marea immensa avida e dormiente
le mani forti che fecero bellezza
se ora sono ignave andrebbero mozzate.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1742 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin