A mia moglie (era una mia alunna) | dialetto | Antonio Cristoforo Rendola | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

A mia moglie (era una mia alunna)

'Na zuppe 'e cozze abbasce Margelline,
duie panzarotte e nu bicchiere 'e vine,
'na pizza fritte che te jenghe 'a panza
chiena 'e sciuscielle e cicoli in fraganza,
'na bella guaglincella doce e fine.
 
Amico mio nun ce sta niente a fa
te 'a fa capace
che pe sape' campà
ce basta 'o poco, 'o poco 'e giuventù
che fuje sempre
e nun ritorna cchiù,
e nun ritorna cchiù!
 
'Na bella "Margherita" addù Marchese,
addò me porto sempe a fine mese
c''a guaglincella mia che ride e vale
e sempe fa parè ch'è Carnevale
e che me done ammore senza fine.
 
Amico mio nun ce sta niente a fa
te 'a fa capace
che pe sape' campà
ce basta 'o poco poco 'e giuventù
che fuje sempre
e nun ritorna cchiù,
e nun ritorna cchiù!
 
Na passiggiata a riva e 'o mare 'e faccia,
c''a guagliuncella mia dint''a 'sti braccia,
ca me surride comme fosse a' scole
mentre pa' strada sta redenne 'o sole
e che me vasa suspiranne in fine
 
Amico mio nun ce sta niente a fa,
io mo t''o dico e mo te l'he 'a 'mparà:
'mparete buono
e fa tu comme a me
che oggi io songo
songo cchiù 'e 'nu re,
e songo cchiù 'e 'nu re.
 
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 1676 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • voceperduta
  • Marco valdo
  • luccardin