Ddoie ove (due uova) | dialetto | Antonio Cristoforo Rendola | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

Ddoie ove (due uova)

uova2.JPG
Poesia tratta dalla mia raccolta in vernacolo  "'O cielo a cupertelle"
 
 
Ddoie ove se truvaiene ‘int’’a tiella.(1)
Uno dicette a ‘n ato:- Che facimme?-
-Cumpà che ‘nfama ciorta! (2)Vì che jella!-
Ll’ato dicette . Cumpà nuie ccà friimme!-(3)
 
Se stette nu mumento, po’ ‘o primmo fa:
-Nun ce sta scampo .– dicette – Ll’ora è sunata,
e quando sona comme vuo’ scampà?
Meglio accussì che po fernì a frittata.
Fino alla fine tutt’ e dduie intere,
cu’ dignità. Senz’essere sbattute…-
 
 -Si, chelle ca tu dice pure è overe,
 ma sempe ‘int’’a tiella imme fernute!-(4)
  -E che vuo fa? Che spece ca te faie?
 Che forse chi ce coce nun fa ‘o stesso?
 Mò coce a nuie, po’ vide caso maie
Che comme a nuie farà na fina ‘e fesso!-
 
 
(1) Padella
(2) Sorte
(3) friggiamo
(4) Siamo finiti
 
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 2681 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Nievdinessuno
  • luccardin
  • live4free
  • amun di ritorno