introspettiva | Tags | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

introspettiva

bug

 
 
rimpatri illusori in ologrammi
di luoghi (non si inganna il silenzio)
 
l’odore ancora vivo
aggrava il sur-reale
 
questa miniera di tristezza
e cose
trapassate all’inutile

Triste primavera

Piccoli cieli navigano
in pozzanghere bagnate di nuvole.
Tra i colori timidi della primavera
si stempera il grigio dell’anima,
mentre piovono illusioni
sul mio arido prato di sogni.

Da Josephine un invito alle amiche del cuore -Romanza-

Per poterci vedere alle nove,

dolce amiche del tempo che fu,

ho ripreso l'antica tovaglia,

Su e giù per le scale

Vieni,
appoggiati
al mio braccio
i gradini
sono trappole
sui nostri
saliscendi,
il tempo
nasconde
tra le pieghe
il veleno
dei sogni,
il fiato

L'ombra

 
L'aveva incontrata spesso, vagando tra le tombe divelte, nei luoghi della memoria, quell'ombra che aveva sembianze d'ossa nivee e lucenti, perfettamente assemblate in forme urlanti la via agli abissi, dove ogni vetta si dissolve a contatto con il bruciore del nulla.

ch'io viva un anno un secolo o dieci minuti soltanto

miki a marburg 2005_0.JPG
Ch'io viva un anno
un secolo
o dieci minuti soltanto
quando ti guardo
e sorridi
il mio scopo è raggiunto.
Per me
sei l'onda che innalza
che inebria
che monda
il mare di nero dolore

Il tempo che resta

bilico.jpg
Non è facile
attraversare i giorni
se corrono veloci
senza fermate.
 
E più difficile è
raggiungerli a ritroso
se la macchina del tempo
non esiste ancora.
 
Così galleggio,

Sol-IO , la bocca mangiata da un urlo

 
Chi la vorrà quella carne ora che il sangue partorisce pipistrelli
 e la luna pianta arsenico nell'orto del ratto -senza testa-?
 
- Vedi come zampilla l’aorta,
si contorce Orfeo nel canto muto del collo.
 

l'altra possibile vita


Le orecchie rimbombano
di quelle parole senza suono
come tonfi di imposte aperte
dimenticate nel libeccio:
ripetute, mai ascoltate
solo sentite, in lontananza
come suoni da altrove.
Ed erano decise, invece
a dare corso alla mia vita
in altra guisa credendo, è certo

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 3794 visitatori collegati.