fantasy | Tags | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

fantasy

Illusione

La poesia si compie qui
termina il sogno
si conclude il mio film
la mia illusione.
Rimane l’emozione
di un amore vissuto
su una nuvola.
La pelle vibra ancora
al ricordo
le tue parole
le tue carezze
risvegliano i sensi
le tue labbra ancora più morbide
ardenti nel mio sogno svanito.
Ti vivrò nelle mie fantasie
e  non mi dirai più
no.

Sono una renna ubriaca

Sono una renna ubriaca
con le corna troppo lunghe
per colpa di una moglie
che si finge gelosa
per colpa di un destino crudele.

Sono una renna si
una renna
con il pelo delicato
un mantello da far invidia
a un industriale del borgo
ma è mio
e non lo lascio nemmeno
in prova
al figlio degenere
di quel cornuto
che sputa sugli stranieri.

Sono una renna giocosa
colpita dal complesso d'Edipo
fuggita alla sua emozione
per colpa di un depravato
che mi faceva lavorare
come un dannato
un pancione barbuto
uscito dalla quinta strada
o forse da un romanzo di Dostojevsky

E bevo per non pensare
per non amare
e per non ballare
che i Lapponi danzano
troppo
troppo sul finire del giorno.

Bevo vino di Francia Corta
ma non disdegno nemmeno
un Primitivo di Manduria
perchè sono una renna clandestina
ma mai cretina.

Il mondo di Molly

Molly  sognatrice
vive nel suo universo
parallelo a quello reale
dove tutto è consentito.
Molly felice nel suo mondo
danza in alto con la fantasia
dimentica il mondo reale.
Molly è fantasia
ci sarà sempre
nel suo desiderio fantastico.
Molly non vuole essere sola
ama sognare
Vieni a sognare con Molly!
Sì, sogna ancora con Molly.

Dietro l'angolo delle parole.

Compilation di emotive impressioni
Radio Londra attende lo sbarco
Ei fù, mantiene un'aura semplice,
quasi un motivo da Nirvana.
Il sapiente dosaggio dell'inestetico
mi stordiva, distorte realtà capitalizzate
erano per i poveri gli scampi di barile
che si stiravano sotto il sole cocente
i miei anni in scatola erano più economici
tradendoli per un 3x2 od una 4x4

Ai ladri di polli:
"ridateci l'insegna del potere occulto".

Da lontano

Lontana da te
lontana dalla tua rocca
affacciata su vasti prati erbosi
a guardar case bianche su verdi colline
arcobaleni che sanno di pioggia e di sole
e di te.
Aspetta il mio ritorno
prepara la tua casa ad accogliermi
il tuo tappeto
e il tuo cuore
e saremo ancora noi
coi nostri corpi frementi
noi con l’amore di sempre
e ci ameremo ancora una volta
come una volta.

Per augurarVi Buon Natale

Colpa del Natale, sarà!
Oggi non so che dire
non so cosa costruire
chi lo sà!
Una lettera a Babbo Natale?
Cosa sarà, il succo di questa festa...
Prendo la mia macchina
e scrivo il mio messaggio
sulla neve sciolta
saracinesca il mio cuore
è chiuso per il tempo
ed il meteo dice
ancora neve, ancora freddo
ancora sole, ai posteri.
Possibilità
di entrare in farmacia
Il dardo il radeccio ed il pomodorin
E adesso quando
100
200
Mi fa sempre più piacere la famiglia
Quando un giornooo!!
Taglio il filo son mi o fora
Taglia e piega
Bastieme
Fame dormir qua
A casa non dormo
Me ciapa ben
Sulle careghe
Siiiiiiiiiiiii, viaggiareeeeeee.

Christmas Tree

Ti arrampichi all'azzurro abbacinante
da un privilegio d'alpe immacolata
placido nella notte hai ricevuto
il dono di un mantello d'ermellino

 

Lontano dai fratelli sfidi il vento
con il vigore buono dei giganti
ma amico ti è il concerto delle vette
solide le tue mille verdi braccia

  Leggi tutto »

Thinking, and dreaming

Bianche ali rasentano lievi festoni d'autunno
lunghe ombre s'inchinano al sole ramingo e lontano
nelle botti il vino ricorda calore e passione
ribollendo d'indomita brama di calici e gole
 
Aspettare è un malessere lieve
è una scusa polposa per chi vive di sogni
una fetta di torta prima di addormentarsi
per quietare i fantasmi e domare le ore
 
L'appetito dei sensi cerca nuovi sapori
in quei fianchi che nuovi non sono
ripercorro i sentieri della pelle tua
come lieto viandante alle fiere di maggio
 
Ti riscopro dispersa e indolente falena
nelle tiepide ombre d'assetato meriggio
i tuo piedi disegnano il sussurro del mare
mentre fonde il respiro nel crogiolo dei sogni
 
C'è più tempo per gustare l'assenza
per dipingere il vuoto con affreschi di viaggi
condividere attimi puri come cristallo
risonante di forza solinga e tagliente realtà
 
Potrai dire senz'altro che un albero nudo è un pò morto
ma in reltà sai che nessuna veste s'adatta all'amore
e quei graffi nel cielo non son cicatrici di rabbia
ma canzoni sciamane che il vento
 
ti riporterà.

Prigioniero del bosco

La tua canzone sommessa
è stata come un lenocinio di sirena
mi ha rapito al tramonto
conducendomi qui con lieti passi

 

ed alchimie di sorrisi
Una corona d’antiche ginestre
sprigiona fragranze magiche
ti abbandoni alla musica

  Leggi tutto »

Yule

Sonno di terre candide t'accoglie
notte infinita rabbrividente in gelo
vapori diacci di sospesa vita
seguono il nostro passo soffocato

 

Taglia il respiro il freddo che rinnova
tutto sa di pulito, immacolato
lucente il cielo spande a piene mani
pulviscoli d'argento sfavillante

  Leggi tutto »

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 3529 visitatori collegati.