concorso in 20 giorni | Tags | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

concorso in 20 giorni

16 - luci di un interno

Sopraggiunto tutto, in quanto?

Un'ora, due, un minuto secondo?

 

A chiedermi ora se

siano stanze quanto precede

le parole.

Linee

orizzontali, verticali

dalle quali a minimi salti

trattenuto capello per capello

transito.

 

Ritroso come dire

15 - Mi sfianca la notte

Mi prende per mano
la notte
e scivolo silenzioso
verso pensosi aborti
inutili graffiti
avanzati dalla memoria.
Ricomincio a sfogliare
le pagine assenti
sforzandomi d'unire
i punti confusi e disparati
di quel groviglio inesplicabile
che alla fine si rivela
la mia vita...

13 - Pensiero notturno

Avvolge la notte
in manto di velluto
pensieri e pene
ricamando insieme
sogni e speranze
 
Guarda, trapunta di stelle
ti copre odorosa
e carezza la fronte
con mano lieve
di madre antica
 

Panta rei

STA FERMA LA NOTTE?
Scivolano sui sassi
strisce di sangue salmastro
sono sacco che si svuota
su una soffitta polverosa.
Dimenticato.
Pellicola di un film mai concluso
Scorrono fotogrammi nebbiosi
Sono fotogramma di una vita
In continuo flash back.
Sconclusionata.
Si deformano le ore
Orologi senza lancette
Sono tempo che si altera
Dentro un' Alba sempre nuova.
Scolorita.

10 - Sta mai ferma la notte?

notte.jpg
Sta mai ferma la notte per modo di dire
con questo caldo si fa fatica a dormire
le ore si allungano come elastici sparsi
e di sogni sereni è un’impresa il da farsi.
Se ci fosse un rimedio a quest’afa imperante

9- ad un passo appena

Stesa al mondo che cammina corre
bocca di stupore spiegazzata secca
se ti fossi coperta il petto la notte 
e avessi chiuso gli occhi le orecchie
come morta qual eri
 
Non t’avrebbe trafitta il lampo il brivido

8 - La vita fuori, di me

Immerso in poltrona osservo la porta, immobile; da un'ora a questa parte ho immaginato almeno una trentina di volte che si aprisse, ho immaginato che tutto tornasse come prima, ma mi illudo.
La porta è chiusa, io vegeto nel mio mondo improvvisato di gommapiuma, quasi a voler rimanere al riparo da altri brutti colpi.

6 - Perduta dei tuoi capelli bui

a pugni chiusi ho resistito la furia di continenti in collisione 
sotto i passi, l'altezza del nero.
i suoi cavalli nelle strettoie a sinistra degli occhi
 
e li ho allattati a sangue, nella terra del petto 
i frutti pallidi di quella stagione. che i pontili

5- Ciumba

Ciumba, la notte: saperla. Astrale, o africana qui: night. Malanotte, benedetta. Ché un sogno rimane almeno della vita: tua, e mia, di due.

4- Canto della notte

 
E tutto in torno il buio che non sa di essere buio
il principe nero della notte che inquieto armeggia la furia del cavallo,
nell’accidia di un nuovo vivere domani
uguali emozioni permeate di calvari che s’aprono ai scivolati smunti visi

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 3283 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free