Poesia | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Poesia

Almeno ...

Almeno domatore di pulci
per passar da questo mondo
non con mani abili indolenti
nelle tasche solo a nasconderle.
O star a bocca aperta e tacita
come finestra spenta su
labbra pendule sporgenti
a balcone per sgocciolare
solo pioggia e risciacqui.
Fare passi anche corti
o saltelli di passero
uno dietro l'altro fino
a che lasci un'orma
anche appena percettibile
solo per l'anima tua finitima
della consapevolezza di
essere, esserci stato, almeno.

un bugiardo

 
 
Perchè ti vedo bella
solo quando te ne stai andando?
E mi accendo e suono

Nulla

Nulla
tranne l’assenza
di frivole parole
scorrenti
in questo torrente
indifferente al freddo
d’una mente scrivente

Ricordi a colori

Collane di perline colorate
lunghe fino a carezzarti i fianchi
ondeggiano ad ogni passo di danza
tra i fiori che più ami
a piedi nudi
si solleva la gonna leggera
evanescente rosa pallido
al ritmo della musica
che ti porta lontano.
Quelle note le senti ancora lì
imbrigliate nella tua testa
nei sospiri sommessi
e ripeti quei versi a voce bassa
gli occhi chiusi
col sorriso nel cuore.

Come sogno

Ed era apparso di notte come in sogno
tra sospiri ed affanni, desideri e speranze.
E come tale svanì al volgere del giorno
portando nuova tenebra nel cuore di un'anima errante.
 
AlexisPainting© She's Waiting at Sunset, details, 2010
 
Alexis
02.03.2010

Il "pullover".

Nei vinchi intrecciati
si srotolano si intrecciano
fili multicolori lanosi
dai gomitoli di avanzi e
s'inerpicano dondolando
anche il gatto eccitando.
Su per gonne lunghe scure
convogliati da un mignolo
sollevato appena a incanalarsi
lenti nel ticchettio di due
lucidi ferri aguzzi e lunghi
che li raccolgono maglia
dietro maglia per ore e giorni.
Prendono forma e dimensione
in rinato povero coloratissimo
e s' incigna fiero il dì di festa
alle undici nella collegiata
tra i sorrisi di chi sa da sempre
chi impara e ricorderà chi
e come precorse "missoni".
 

Questo silenzio a dire

E ti vedo, ove mai a guardare,
gli occhi calmi quasi sulle mani adorne
degli occhi del tuo santo;

Pensiero

Stasera
il pensiero di te non mi lascia
sarai lì anche tu
che mi pensi
sfiorandomi in segreto
con occhi mani e  labbra
avessi una linea d’aria
un sussulto sarei
a raggiungerti subito
in un mistero d’anime
ancora sconosciute.

Attacco manifesti

Attacco manifesti
sui muri di Parigi
per non morire di noia
per non languire
di inedia al sole.
E mia figlia
scrive poesie
pensando d'essere poeta
fuma spinelli per sentirsi grande
mentre sui viali
atterrano colombi.
Attacco manifesti
sotto la bastiglia
e mi guardano quelli
di ottobre clandestino
con voce da cicale drogate
con le loro minigonne di velluto.
E mia figlia che parla di Sartre
e del movimento in Algeria
perchè è incinta di quattro mesi
di un emigrato fuggito dal Moulin Rouge.
Ma io attacco manifesti
e sogno d'essere Pierrot
io con la testa pelata
e un tatuaggio di ragno sul sedere.
Un manifesto di foglie e ballerine
con una ragazza che sorride
nei campi di lavanda
a sud
a sud
di questa Francia.
 

Piciulina sulla soglia

.

Ciangottina
sei da sempre dolce Piciulina
stropicciata  eppure sempre coccolona
con un occhio qui
e l’altro chiuso per guardare altrove.

Due chili come mille
fusa e miele
dormi spesso perché riappari a casa
Amore e tenerezza
ti desti solo se decidi di non farci preoccupare.

Indecisa
a dire il vero un po’ traballi
niente pappa
un passo qui 
e altri due lì.

Eppure
anche i mici alle spalle hanno teneri angioletti
miagolii e fruscii d’ali:
l’Amore è ovunque
e per tutti passa uguale.

La prossima
lo sento
 sarai rosa delicata e bimba
delizia assai preziosa
per chi saprà apprezzarti

ma che possiamo farci
se ancora sulla terra
sussiste la dolorosa usanza
di passar prima da casa
per poi tornare col vestito nuovo.

Ma la cosa che davvero mi consola
è sapere che l’Amore Vero mai si perde
e che tra noi e te, Margotta mia,
di certo
d’Amore ne scorre davvero tanto tanto.

tiziana mignosa
febbraio duemiladieci

Alla mia dolcissima Margot nel giorno del suo ritorno a casa

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 3279 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin
  • Antonio.T.