AnonimoRosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...

blog di Ezio Falcomer

Implumi spezie

Implume il cielo bambino
nasconde nuovi lampi e mondi
domani è la scheggia impazzita di ora
domani è la nube accecante

fremono i nidi e le tane
ruggiti squittii
la caccia è aperta
la preda è il predatore
il giocatore sarà giocato

un'enorme risata deborda
gli argini del mondo
Eros tracima dall'uovo covato dal serpente
la falce fende la nebbia
chicchi di spiga cadono nel cesto
fragrante è la visione nella mia bocca
come miele è la tua lingua di maga di spezie
come sistro e sonaglio il suono della tua pelle.
 

Preghiera di Aqualung

Perché lapilli sfracelli
e dissonanze
in mia stanza di tela
sanguigna
sei morto in disonore
per silenzio senescente
ma getti ancora forme
dal tuo non esserci
tu non parli
grattugi silente
poveri tuberi da anziano
sei inoffensivo all'oggi

eri fuoco sul Sinai
sangue caldo schizzato
sulla tenda levitica

ora la tua bava
scende a rigolo
inessenziale
all'impotenza umana
sei di peso
catamarano incagliato
ti forzano alghe acide
risacche stremanti
ugoli scemi di gabbiani
ectoplasma d'onnipotente
sul tramonto, con pastrano
liso e fetente.

Ti devasto

Ti devasto come un brivido vichingo
ad apici di archi
suoni dell'oscuro infinito
sbrechiamo questo muro di grigio
sfuoca l'istante a torrenti
di sudato mistero
succhio maree di esplosi aranceti
siamo sognanti amarene
nenie di bruciori di spezie
graffi come liriche d'egeo
mi resti in cuore
come anice a tramonto
e alghe lubriche ai piedi
su spuma che penetra la rena.

Bloggomania

bloggomania
bloggotipia
bloggologia
paleobloggologia
paleoantropobloggologia
blog di neanderthal
blog sapiens sapiens
bloggofilia
serial blog
blog brothers
bloggatemi qui!
zona blog
nel blog, dipinto di blog, felice di stare nel blog
blog moon
lisa dagli occhi blog
black blog
blog around the clock
blog and roll
hard blog
heavy blog
blog rock
woodblog
blog blog, shake shake shake, babe
sherlock blog
il blog di berlino
blog di varsavia
blog stradale
blog buster
punk blog
mac blogald
etnoblog
blogstar
pornoblog
analblog
blogteen
fetish blog
latex blog
blog babes
blog fantasy
blog bondage
female blog
facial blog
masturbation blog
blog ebony
latinas blog
blog enlargement
bloggity explicit
blog escort
archeoblog
paleoblog
mesoblog
neoblog
cenoblog
blog fusion
techno blog
un blog di pietà, per favore!
blog music
house blog
afroblog
chinablog
neuroblog
blogfrenia
blogalist
blog espresso
euroblog
rolling blog
posto di blog
blog police
criminalblog
bloggity correct
bloggity uncorrect
blog suede shoes
blog eyes
blogshimani
blog notes
blog de niro
blog rain
blog runner
blog power
spaghetti blog
blog connection
blog staffeln
sturmbloggen
blogmacht
blog fuhrer
sturm und blog
blog = mc2
over blog
blog over
blog soccorso
riscaldamento bloggale
blogtown
blogcity
blog country
country blog
blog cafe
blog dylan Leggi tutto »

Facezio

Facezio ogni minuto con la morte
eiaculo aironi di parole
a stormi
e azione karmayogica
ribollita alla heisenberg
visibilio di coriandoli
su slancio di trincea
biologica esuberanza
ipotalamo amatriciano
sardana di passione
allegria ditiramba
carnevalanza mistica, ai terrori
veterana
come sultano su barca ipocondriaca
sprotocollo la pianificazione
con l'amore ci facezio ogni minuto
finché morte non mi svapori.

Lunare

Lunare,
chiedi amore
e scendi lungo un fiume di malinconia
labbra di pesca cantano perenne estate
fragranza di sorrisi caldi, nascosta
sotto timido feroce veleno
sogno i tuoi fianchi...
che ti porterei alla mia bocca
...e traversare il tuo deserto
di oasi lussureggianti.

(novembre 2008)

Falafel

Stasera mi son fatto un falafel
perché gli angeli mi hanno detto
che è come neve questo vivere di squame
come lisca ben succhiata
da mio nonno ubriaco
con un cancro alla mascella
stasera mi son fatto un falafel
pensando ai crocefissi che ho baciato
di mia nonna
e riandando alle bestemmie
che dicevo, bambino
per far ridere i parenti
salamandra
non piango più il fuoco che urla dentro
è un animo da sbarco questa storia
passeggiata ai bordi delle frane
ah mia cerbiatta, ti amo
così arabo che il falafel è un semolino al confronto
ti avessi fra le mani, adesso
ti mangerei l'anima
di morsi farei omaggio alle tue cosce
sono semita e mi chiamo adamo
sono polvere e argilla densa
mia lilith
che platone mi stia lontano.

Dalla Russia con amore

(guerra russo-georgiana estate 2008)

Scavo nell’osseto, scelgo qualcosa abkhazo, temo che il metano sia azero. Non rinuncio ad aprire l’ombrello atlantico (sotto sotto ci sono Nato!). Però, come reprimere la nostalgia di matrioske e notti moscovite? ...Senza peraltro rinunciare ai ferragosti distesi di fronte a un mare nero, con ucraine creme all’essenza di crimea... dacia di stile ceceno, camera con lèttone matrimoniale, tinta del divano che non estonia col resto, tre quattro kazakhe leggere nell’armadio da cambiare ogni giorno...

The Hit. Sfida e colpi bassi

Magdala - Fascista!
Hermes - Stalinista!
Magdala - Trotzkista!
Hermes - Buchariniana!
Magdala - Buchariniano-trotzkista!
Hermes - Trotzkista-buchariniana!
Magdala - Trotzkista-buchariniano-socialfascista!
Hermes - Buchariniana-trotzkista-socialfascista-revisionista!
Magdala - Trotzkista-buchariniano-socialfascista-revisionista-sionista!
Hermes - Buchariniana-trotzkista-socialfascista-revisionista-sionista-deviazionista!
Magdala - Trotzkista-buchariniano-socialfascista-revisionista-sionista-deviazionista-titoista!
Hermes - Buchariniana-trotzkista-socialfascista-revisionista-sionista-deviazionista-titoista-
... Interista!
Magdala - Stooop! Ok, ok, mi arrendo qui. Hermes, perché, quando si gioca, a un certo punto,
devi diventare sempre pesante con le parole?

Calura

Danzarti dentro l'energia del sabba
insisterla
e in psicosi andare
di festoni acanti e vini resinati
guardare a schiere e folate
di nomadi stregoni
bere folaghe e stormi di memorie
orrori e mareggiate, avvinti
a scalmi senza rotta e senza chiese
ti ho chiesta alle porte del valhalla
dove il ruggito degli dei imbeve villaggi
cui presiede la paura
eravamo plebi di sciagura
e legioni combattenti in faccia ai behemot
e paludi di calura
eravamo niente
e al guadagno di vergini celtiche
da vendere ai suk dell'equatore
scialacquavamo blasfemia
e foia pagana
a caccia di avorio ed oro ambrato
meravigliavamo alle porte di timbuctu
piene
di lordure e di geni delle oasi
era un perdere senza frescura
la morte attraversare per uscirne
saturi di favole e di ipnotici sussulti
a dionisiaca rumba
e scura.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2412 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin
  • Marina Oddone