AnonimoRosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip
  • Romeo
  • giuseppe riccar...

blog di Ezio Falcomer

Oro et laboro d'amore

Ti adoro odoro mio oro di vulva
cerbiatta ai prati d'inchiostro saraceno
mia torre del libano intrisa
di magma di rame schiumoso
feltro d'astarte
esanime mi induro
e odoro tuo oro di schiava razziata
mantide del mare
che in ossimori di fiati
pervade mio lavoro
il mio sordo cantare
da grondaie d'amore.

Ossesse razzie

Anguilla divincolarmi tra umori
tramonti di savana e accenti
di battaglia e buriana
e premerti con mio petto e mie fauci
tra le erbe irrorate
della tua ispida vibrazione
bagnata
pregna di deliri sgrammaticati
appettiti di fauno e di ninfa
d’arsura febbrile
simbiosi elettrica tarantolata
strimpellarti tutta a soggetto
su spartiti di tuoi gemiti celesti
e tue cosce predatrici
dettano leggi cosmiche di nembi
carichi di onda e tuono
pungerti e attraversarti è carità invocata
folate norrene e unniche razzie
su impero di carni pallide in disfatta
dove il fianco è densa crema
dita, lance vi si conficcano
come a tesori di salato sudore
aspersi d’oscene ambrosie divine.

 

Aetos

Vorrei un giorno di refoli di luce
d'azzurri spasimi di niente
e planare su nuvole
gonfie d'elettrico e d'immenso
aquila

dominare cime e urli di baratri
con occhi che sanno
l'orrore e la bellezza
della storia

berlo, il calice
come un andare a scontro di schiere
a bolgia
di furia ed amore
a dolore attraversato
e vedere.

Chihuahua. Facebook Short Posts

Ezio: "Stringo i tempi". Passato remoto: "Siamo al golpe". Futuro anteriore: "Clima soffocante". Imperfetto: "E' un giullare". Di Pietro: "Io a quello lo faccio nero". Nota del Quirinale: "Abbassare i toni della polemica. Dialogare in un clima civile. Trovare valori condivisi".

La carne è debole. E il pesce non sta messo molto meglio.

 

Paolo di Tarso: "I cibi sono per il ventre e il ventre per i cibi". Ezio: "Tanto ti ci voleva a capirlo".

Joaquin Sabina - Inventario

Las cosas que me dices cuando callas,
los pájaros que anidan en tus manos,
el hueco de tu cuerpo entre las sábanas,
el tiempo que pasamos insultándonos,

Le sere che

Le sere che
pallidi i convolvoli
esclamano smeralda follia
si tingono i cuori
di un indaco serico
e madido amaranto
mi scorre
nel tacito grido
che anela
speziati cobalti d'ignoto.

Se l'Ikea è un terno al Lotto

Cioè, io non so
che se non ci fossero tutte queste gocce di vino
e calcio totale di formiche sulla fòrmica
e briciole a grumi,
e schizzi di agrumi
su salviette debosciate
quasi a ricordare una ricerca
un ready-made
 
io lo finirei sto hamburgher
e spengo il televisore
perché cioè
quattro volumazzi in-folio
un Topolino e un Dylan Dog
sono troppo
a saturare questa prima impollinata di primavera
e io ci ho tanto da fare
ci ho multe da pagare
e da finire la collezione delle figurine Panini
qualche foglia di insalata
per creare il consenso e abbassare il colesterolo
 
e poi buttare tutto a terra
che ci dobbiamo sfruculiare sta pinnacola
e lussureggiare su un Paroliere
e poi contarci scogliere
eczemi sul sedere
e sborate di foto vacanze
affabulare su lungospiagge
e sullo charme dei sceicchi
e i fighi delle Figi
e un Ibiza di sfizi e divieti di dormire
o di morire
con pearcing, petting, footing e Wyoming
 
mi allunghi l'accendino
che tu li fotti sempre a tutti
gli accendini
cazzo di clepto
 
me ne vado a letto
anche se è un terno al lotto
 
era meglio il mogano su cui piazzare un Subbuteo
che striminzirici su questi spazi Ikea
che ti sfarinano l'idea
che ti allontanano dall'Idumea
e che non ti ricordi più chi era
Lorenzo Lotto.

Starry Starry Night

Ho stagionato a fetenti folate
di lotte di classe
sul cinquino e sul calesse
modernizzazioni
dive pornografiche
morti di utopia
stili corinzi
estenuazioni da tardo impero
depressioni maggiori
ed estati alla van gogh
 
ci ho provato più volte
come marilyn e sylvia plath
 
ho sputato su ogni piatto
spezzando carotidi
a madri ossessive
che ti uccidono di fuoco amico
 
ho resistito a stalingrado
ho attaccato a danang
sono affogato in un letamaio
nei pressi di sarajevo
mi godo il bagaglino
di un'equivoca apocalisse maya
sborona kitsch e sanremese
sorseggiando all'harry's bar
con rottami d'oro
e le carcasse degli dei di jung
 
e me ripijo a' bbrocca
con occhi che conoscono
the darkness in my soul.

Il ciottolo

Il lago del sangue
dice a volte
che non ha esito
questo frastaglio
di velleitario pensare
nonostante la vita.
 
Paradosso inusitato e
sonaglio
che ti frastuona ai cristalli
di lustrata sinfonia
fin dal mattino.
 
Esondano novità
incantesimi e perdite
continui
screzi e insulti
a pigro supporre.
 
E' un gettare ciottolo
su un'acqua cheta
e vedere come butta:
cavalloni o rigoli
bottini od occasioni
rinascite
o catorci di tedio
domenicale remake
palinsesto estivo.

Il selvatico Antico

A piedi nudi, il bambino
carezzava la ghiaia e il prato,
innamorato
d'aria malarica di palude.
Passava accanto a topaie,
cantine che sapevano di muffa,
di sale, di salumi.
Tentava la cattura
della rana dell'anguilla del granchio,
il ginocchio affondato
in palustre melma,
lubrica e accogliente, possessiva,
tiepida.
Ignaro,
felice,
senza lessico per dirlo.
 
Le venture svicolavano, segrete,
per meandri morbosi,
l'inguine urlante di chissacché.
 
Astioso muso, soddisfatto broncio.
 
Era la vita selvatica,
con avi sepolti lì vicino.
Era l’anguria, rossa di festa,
ingozzata per sfida,
con ardenti fauci succhiata:
una mischia, una gara di
acqua piscio e zucchero.
 
Erano i gatti sgozzati, la notte,
da enormi, orgogliose pantegane.
La matriarca, era,
che negli occhi infilzava
forbici
a galline e conigli;
sgozzava e scorticava
con dolcezza e grazia di nonna,
tutto un sapere di secoli
bisbigliato e rubato tra gli alari.
 
Compatto tribale branco
attorno a urla di maiale
e a cipolla con sanguinaccio.
Il sangue fluente, caldo,
su vasca di legno,
libagione
a preolimpici benevoli Lari,
benedicenti già prima di avere.
E i celesti occhi del bambino,
immobili,
da erotica sacrificale furia
ipnotizzati.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2406 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin
  • Marina Oddone