Inversi a restarci nudi | Poesia | woodenship | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

Inversi a restarci nudi

sul possedere, possedersi è la via
 
vestirsi o spogliarsi declinando versi per bottoni,
cravatte, polsini ormai in disuso...
e le mutande? E le calze? I pantaloni o le gonne ci stanno sul letto e noi in piedi a lasciarci proclamare nudi,
manco fossimo re e nudi.
Oppure soltanto ribelli, resistenti all'arrembaggio d'abbigliamenti e pelletterie pirata che vorrebbero vederci soccombere materialisti.
Esser piromani, alle volte, non è un crimine ma solo attaccamento patologico alle parole che volano schegge incendiarie. Queste le si ricerca, le si scava, a mani nude, tra i carboni della coscienza, pur tra mille scintille e scottature:
 
un fuoco tra pioggia e sesso
sotto la pioggia un fuoco è il sesso
le faville scoppiettando pioggia
sulle braci, le stille, nell'aria
sono miagolii a spegnersi goccia;
 
tra pioggia e sesso:
sesso sotto la pioggia
e pioggia sotto il sesso
che la penetra turgido
gocciolante freddo piacere
d'un coito acquoso.
 
Siamo d'acqua nudi spioventi amore
scorriamo di pelle per gli scarichi dell'anima
limacciosi, tortuosi, passionali: nudità di sangue
nel viaggio carnale incontro al mare
per poi tornare, anche e solo,
 
acquerugiola uggiosa. 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 1994 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • RobertoM.
  • Rinaldo Ambrosia