Identità Provvisorie | Poesia | Nievdinessuno | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Nuvola93
  • Paolo Melandri
  • Leopold
  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti

Identità Provvisorie

Cammino in una strada che ha vissuto la magia di una realtà silenziosa.
Non una strada qualunque
mi sviscera dentro.
Il colpo di vento
trascina tutti i suoi oggetti
nell'immortale distanza.
Un lampione segna la nebbia,
invisibile alla mia natura.
Un'insegna abita la penombra
quasi per abitudine, intenerita
dallo sguardo scuro di una donna,
che mette in scena il palcoscenico di una sera.
Questi versi dicono qualcosa che si muove.
Qualcuno che passeggia nella vita senza sosta,
appartiene a una patria senza dimora.
Così è per le strade che portano a una profonda sostanza.
Un dolore può dividere
al millimetro, quello che unisce.
Un amore conduce un gioco di endorfine.
Così le strade sono mutevoli tracce
criptografate col pensiero,
nello stesso modo con cui la sabbia
cambia il verso quando ribalti una clessidra.
Sono corpi dispersi accanto a un'idea
che guarderà a pieno se stessa,
come il vetro stanco, macchiato di un negozio,
un tramonto sparso nella semina di un raccolto,
un uccello addormentato sul davanzale.
Qualsiasi cosa mossa nell'umidità
di identità provvisorie.

 


ritratto di live4free
 #
La sensazione di transitoreità é la somma di tutta l'esperienza vissuta che ingombra il presente. C'è bisogno di superare il passato per poter guardare altrove e per ritrovare la propria essenza, che é lì, sotto la cenere, arde e aspetta il giusto soffio per riprendere vita.
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2246 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free