Leone assorto | Poesia | blek | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Nuvola93
  • Paolo Melandri
  • Leopold
  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti

Leone assorto

Leone Assorto
                               Indomito felin ormai ammansito

Poni lo sguardo lì ai vitrei monti
Or v’è fioca luce e la ment’appanna.
 
Dei sogni veri allor che tu aitante,
sguazzavi, pur senza provar diletto.
 
Lì meco stiano giumentose ancelle
Si ch’io allettar potei le più belle.
 
C’altro fiutavi dell’eterea terra
Se ch’essa non era la più bella!
 
Or’assorto nel vano domandarti
Che val cercare in questi anfratti?
 
Vaghi d’inerzia nell’ingrato mondo,
ove dicono che non sei fecondo.
 
M’ecco a me apparir nel mio quieto
Cromia amorfa, cui travagli miete.
 
Poni la scia del tuo, a me par, tormento;
fa ch’io m’inebri di tal’evento.
 
C’altro sognar ormai se non le stelle?
Del fato ora noi assurgiamo a perle.
 

Antonio Stasi

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2482 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • luccardin
  • Rinaldo Ambrosia