Piglieme mbraccio | dialetto | Giovi55 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

Piglieme mbraccio

Piglieme mbraccio

Quann'ero piccerella m'hê mparato a cammenà;
mo ca te sì ffatta vecchia songh'i' a tte purtà.
Nun te mantiene allerta; staje 'int'ô carruzzino:
sì ttale e quale a mme quann'ero piccolina.
M'arricordo quanno m'attaccavo 'a vesta toja;

facevo comme ogni ffiglia fa cu 'a mamma soja.
Tiene 'e capille soffice comme a ll'ovatta:
'a povere 'e luna te ll'ha tignuto 'e janco latte.
Ancora te vulesse sentere pe 'a casa cantà,
cu cchella vocia 'e sirena ca sapeva ammalià.

Quanto mme piacesse capì che staje patenno:
te parlo e nun saccio si mme staje sentenno.
Te nne vaje luntana cu 'o ssguardo: sì assente.
Chi 'o ssape che gguarde, chi tiene a mmente.
Chissà quale penziero vaje annascunnenno:

parole e rricorde vanno sempe cchiù sbiadenno.
Chianu chiano comme a na varca sprufunne:
'int'ô sscuro d' 'a notte mano mano t'affunne.
Te chiammo, tu mme guarde, te faccio na carezza,
ogni ppiega d' 'o viso tuojo annasconne tristezza.

Na lacrema te scenne pe st'uocchie cunsummate:
sarrà dulore o ggioia...chissà chi t'ha turbato.
Te vulisse spiecà, ma ogni ccosa te 'a scuorde:
ll'Alzheimer mariuolo se sta arrubbanno 'e ricorde.
Te sta scancellanno 'a 'int'ô core, 'a int'â mente...

tutto chello ca c'è stato: passato e ppresente.
Pare na bammulella; parle poco, a sstiento cammine:
sì tturnata piccerenella e i' te stongo vicino.
Te vengo accanto, t'asciutto 'e llacreme 'a faccia...
e ttu cu nu filo 'e voce mme dice: "piglieme mbraccio."
Giovanna Balsamo

 
Traduzione

Prendimi in braccio

Quando ero piccola mi hai insegnato a camminare;
ora sei diventata anziana e sono io a portarti.
Non ti reggi in piedi; stai nella carrozzina:
sei tale e quale a me quando ero piccolina.
Mi ricordo quando mi attaccavo alla tua gonna:
facevo come ogni figlia fa con la sua mamma.
Hai i capelli soffici come l'ovatta:
la polvere di luna te li ha tinti di bianco latte.
Ancora vorrei sentirti per la casa cantare,
con quella voce di sirena  che sapeva ammaliare.
Quanto mi piacerebbe capire ciò che stai patendo:
ti parlo e non capisco se mi stai sentendo.
Te ne vai lontana con lo sguardo: sei assente.
Chissà cosa guardi, cosa hai nella mente.
Chissà quali pensiero stai nascondendo:
parole e ricordi vanno sempre più sbiadendo.
Piano piano come una barca sprofondi:
nell'oscurità della notte man mano affondi.
Ti chiamo, mi guardi, ti faccio una carezza:
ogni piega del tuo viso nasconde tristezza.
Una lacrima scende per i tuoi occhi consumati:
sarà dolore o gioia...chissà chi ti ha turbato.
Vorresti spiegarti, ma dimentichi ogni cosa:
l'alzheimer ladro ti ha rubato tutti i ricordi.
Ti sta cancellando dagli occhi e dalla mente;
tutto quello che c'è stato: passato e presente.
Sembri una bambola: parli poco, a stento cammini:
sei tornata bambina ed io ti sto vicino.
Ti vengo accanto, ti asciugo le lacrime dal viso...
e tu con un filo di voce mi dici: "prendimi un braccio."

 
 

 

AllegatoDimensione
1576168401360.jpg31.09 KB

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 1299 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free
  • ferry