'A nonna | dialetto | Giovi55 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

'A nonna

Dint'â a nu vascetiello, nce sta na nunnarella.
Ncapa 'a stessa pettenessa 'e quann’era guagliuncella.
Spalle affussate, p'uocchie ddoje fiammelle appicciate.
Tene mmano nu centrino rosa fatto a ll'uncinetto.
Apprimma s'ô guarda, po' ll'appoja 'ncopp'â culunnetta.
Leva 'o ppoco 'e povere 'a coppa 'o volto e Padre Ppio,
cu 'a mana da nu vaso 'a nu santo, n'ato 'a vergina Maria.
Se sufferma ogni ntanto ncoppa a n'immagina sfucata:
sarrà 'o figlio o forse nu viecchio 'nnammurato.
'A tantu tiempo oramaje, fa ogni cosa cu llentezza.
Se sistema nu ninnolo: ogni ccosa ca tocca ll'accarezza.
Pe ccunfuorto tene na mucella ca lle sta sempe vicino:
'o pilo russo arruffatiello, 'o cuollo nu sunaglino.
A ll'ora 'e pranzo 'a chiamma: - micia micia: -
lle votta quacche sarda, quanno capita, n'alice.
Dint'â 'na seggia a donnolo ca scricchiulea,
'a vecchia s'appoja: assaje stanca s'appisulea.
Durmenne se ncammina ncopp'â nu tappeto avvellutato,
cunsummato e cchino 'e mpronte, 'e piere ggià passate.
A ll'inizio d' ‘a sagliuta nu poco va arrancanno:
ma mano mano ca saglie, sente sempe meno affanno.
Ntanto ca ncopp'â terra se studa nu moccolo 'e cera:
chillo ca 'na vota era stato na bbella cannela,
mparaviso s'affolla d'anime 'a casa d' ‘a madonna,
po' na vocia se sente:"micia, micia".
È arrivata pure 'a nonna!"
Giovanna Balsamo
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 1848 visitatori collegati.