Riflettenno | Poesia | enio orsuni | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giorgio moio
  • Giuseppe54
  • Giuseppe Rongaudio
  • Gabri
  • Ignu

Riflettenno

Me piacerebbe de sape’ chi fu
er primo che parlò der Paradiso
che disse: l’ardilà pe’ due è diviso
e doppo morto scenni o sali su.
Ossia, che pe’ er vole’ der Padreterno
andremo in Paradiso o giù a l’Inferno.
 
Sarà stato se sa, quarche stregone                
der quale nun se parla ne la storia.
Nisuno sa chi fu, nun c’è memoria,
fu er primo esempio de l’inquisizzione.
Fu lui che s’è inventato quell’intrigo
che consiste ner premio o ner castigo ?
 
Quello fu er primo esempio de ‘na casta
che s’arogò er diritto fin da allora
de governacce e, ce governa ancora...
Ma nun annamo ortre, adesso basta.
Lassamo ‘st’animaccia urtraterena
pe’ quanto sia possibbile serena.
 
Pensamo solo che le leggi umane
so’ state costruite bene o male
come quelle Divine, tale e quale.
Percui, -si ciò raggione- nun rimane
che mettele in un solo recipiente.
Però, si ce pensamo seriamente:
 
a rispetta’ le leggi de le tavole
è certo giusto, è un fatto de coscenza,
però, come se fa a sedesse a mensa
a magna’ e beve tante, troppe favole?
Crede’ a tante fregnacce chi m’aiuta
si doppo la raggione le rifiuta?                      
 
Io credo invece ch’er fattore umano                                    
sia l’unico reale, embè, è possibbile
che a vorte è l’òmo e no quer ch’è invisibbile
quanno stai pe’ casca’ te da ‘na mano!
Ecco perché me dice la coscenza:
fai bene? scorda! E si fai male, pensa!
 
 
 
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2635 visitatori collegati.