Un dolcissimo addio | Poesia | Bruno Amore | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Lucia Lanza
  • Giullare della morte
  • Vittorio Lucian...
  • MG
  • kip

Un dolcissimo addio

Eppure non era il solito semibuio
anche se i bianchi erano azzurrini
come sempre ma, Fausto Papetti, il divo
aveva appena messo su una sordina vera
quasi a chiamare a più vicina presa.
E l'odor di muschio o essenza amara
che dal suo collo alle mie nari andava
quel vestitino nullo che non stava fermo
quasi come un velo di chiffon tra noi era
frapposto ad arte e lì diceva, oh se diceva.
Le parlavo sottovoce ma non seppi mai
quali e quante cose, lei tacque sempre
solo con la punta delle dita fece carezze.
Quando la tromba si perse nel brusio
ci prendemmo per mano e andammo via
forse parlammo o forse solo pensammo.
Non ricordo altro, perché fu un addio.  

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 1754 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin