Dimme tu | dialetto | Antonio Cristoforo Rendola | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • giuseppina lamb...
  • Sandra Pasotti
  • Agri-Alessio
  • sandra bonci
  • Angelika Sarna

Dimme tu

donna.jpg
Dimme tu
a chi penso assettate
sulo dint’’a 'st’amara
nuttate.
 
Fresca è l’aria
e ‘na luna d’argiente
'stu  penziero cchiù argiento me fa.
 
Mo che insieme
te staie tu cu ‘n ato.
e che ammore do’  nuosto è fernuto,
pure ‘e stelle se songhe cagnate:
chiù nun brillano ‘nciele pe me.
Ma che longa  è sta notte!
Chiagne chi te vo bene,
se scuntenta lu sanghe ‘int’’e vene.                   
 
Tu si ‘n ‘ ata persona,
nun si ‘a stesse ‘e na vote
e pe' me s’arrevote
stu nero destino
ch’è scritto, Carmè.
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 1789 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Bowil
  • Antonio.T.
  • voceperduta
  • Marco valdo