Rime | Pensieri | taglioavvenuto | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni il sito

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Gloria Fiorani
  • Antonio Spagnuolo
  • Gianluca Ceccato
  • Mariagrazia
  • Domenico Puleo

Rime

A GUIDO CAVALCANTI
  
Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io
fossimo presi per incantamento
e messi in un vasel, ch’ad ogni vento
per mare andasse al voler vostro e mio;

sì che fortuna od altro tempo rio
non ci potesse dare impedimento,
anzi, vivendo sempre in un talento,
di stare insieme crescesse ’l disio.

E monna Vanna e monna Lagia poi
con quella ch’è sul numer de le trenta
con noi ponesse il buono incantatore:

e quivi ragionar sempre d’amore,
e ciascuna di lor fosse contenta,
sì come i’ credo che saremmo noi.

 
Dante Alighieri Rime LII
 
A ciascun’ alma presa e gentil core
     nel cui cospetto viene il dir presente,
     a ciò che mi riscrivan suo parvente,
     salute in lor signor, cioè Amore.

Già eran quasi ch’atterzate l’ore
     del tempo ch’ogni stella n’è lucente,
     quando m’apparve amor subitamente
     cui essenza membrar mi dà orrore.

Allegro mi sembrava amor, tenendo
     mio core in mano e nelle braccia avea
     Madonna, involta in un drappo, dormendo.

Poi la svegliava e d’esto core ardendo
     lei paventosa umilmente pascea;
     appresso gir lo ne vedea piangendo.
 

Guido Cavalcanti a Dante.
Rime
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 4454 visitatori collegati.