Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Progetto di Corale Poetica - Il pontiere prima che l’arcata disorienti si muove tra

 

 

INQUIETUDINE - DESIDERI - CONTRAPPASSI

 

“oltre il tuo livore c'è la guardia di un dito puntato...oltre la punta della lingua viaggiano parole violente e sanguinolenti...oltre la mia immobilità ci sono stelle taglienti che perforano il cervello..”

(Blinkeye62)

 

Da una chiacchierata con Franz (più avanti e prima citato col suo avatar), l’avvio cui già con Wal/Orme (più avanti citato senza citarlo) si accennava: scrivere mantenendo rotta sul tema qui sopra. Scrivere liberamente, conservando la propria dimestichezza espressiva - il vestito della festa, per dire - e potendosi confrontare con modi e movenze altre, scimmiottandosi - si direbbe -, anche saggiando l’elasticità compositiva per meglio capire chi (si spera) qui leggiamo. Ho chiesto a Blinkeye62 di interpretare ogni singolo intervento, conscio che, un controllo così alto, comportasse a lui una faticata - mamma mia chedd’’è! (NCCP) - e, ai partecipanti, una misura qualitativa, una pesata, una volumetria, che ci desse immediatamente l’agio (questo è un lemma indigeno, da conterranei, ndr) di sfondare nuovi limiti.

Scrivo sotto minaccia, è chiaro, di un fallimento annunciato; quindi: venite parvulos, venite (F. de Gregori).
 
Pies: a chi di dovere la posa in alto.
Pipies: se ne trarrà un PDF (certamente) e/o un EBOOK (forse), liberamente scaricabili. Di seguito, l'ipotesi di copertina - per vederla completa, basta cliccarci sopra (azz... già è pronta? No, è solo una ipotesi: ci sto lavorando. E che lavoro fai? Mi arrangio tra i Monti...)

https://picasaweb.google.com/s/c/transparent_album_background.gif) no-repeat left">

06 dicembre 2011

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
1
 
oltre eseguire il pilastro
o la porta che apriamo tra valichi, appena sciolte
le lingue, la sequenza a fiume, l’mmissione di gesti,
niente altro allarga la gabbia del torace
su cui scommette l’ossigeno, soprattutto la fiamma
che ci preservò dal gelo, dalla sua sotto missione:
lastricare gli umori di aghi puntigliosi.
 
Siamo dunque i piazzisti della volta sintattica
quelli cui tocca introdurre nell’aria
un andirivieni di suoni o ruote;
siamo i solidi del salto, il geòde del verbo.
 
Ecco, è come si spera un attraversamento
nel senso d’inverno, non solo.
 
2
 
Nel senso di un gesto, di un getto
a svapo d’inverno
   (la pasqua giungerà solo in primavera,
                                                  si narra)
 
si spera nel tiepido gelo,
nel sussurro, nell’abbraccio di sera
qualunque sia essa,
sia solo alle soglie di un ponte
tra un gelato e il suono di un tram
 
3
 
s'inchiodano lemmi
su cirri presuntuosi d'azzurro
sotto, stanno
le strade e teorie di notti
tagliate a pietra viva
nei miei fianchi
è calce bianca che cancella
il ghigno del silenzio
un diesis solitario
a farmi compagnia
prima di morire
 
I
e scoppiano fulmini nei pianti di temporale, 
s'inzuppa la suola d'acqua e pozzanghera
liquidità nel farsi vetro di una fermezza che muove 
tutto il farsi fiore del giardino
 
[inquietudine]
 
 
II
Inquietudine.
Vermi accorrono tra gambe scheletriche
e lemmi inutili per il silenzio di cuore.
Puoi...Vuoi...Guarda...Osserva...
Tra ciglia...
 
 
4
 
Un rimando, geocondo
appiccicaticcio invero di muco
questo salto, legato alle caviglie
della parola
elastico
 
rimando
Atteggio l'intenzione, crepo
la sottile lastra
incrino
 
5
 
morfemi sinallattici
vicendamente ruzzano
si schiardano s'inturbano
tromboleggiando asferici
pintaccoli s'incirrano
su per il cielo blu...
 
e mi ricordo, uscendo dalla stanza
volgendo appena il capo sorridesti
senza guardarmi, e via
fu un lampo
 
di stelle
maledette perfide
per-per-per-perforandomi l'orbite
le tempia le budella
livide lingue livorose
e le mani, ddio! lemmani
cosa sto diven tando
un cirro
u nim p rob ab  ile
e c  c   o  , l  e    s    t    e     l        l         e    . .  .   .   .   !
 
I
Cirri corono tra lembi di sorriso...e sgravidano lungo le tue forme...
 
                        II
                               forme sinallattiche, naturalmente! Ohi, Capitano
 
5
 
nello scorrere del verbo l'essenza intima
delle cose
: il non essere, il non stare.
quello fu il principio e
quella la meta
 
*
attraversiamo questo inverno tiepido,
vieni.
la tua mano ha consistenza
di farfalla, si poggia e vola
nel guidarmi nel bosco fitto di fonemi,
di sillabe risonanti
e rilucenti.
il sentiero si snoda arabescando
nel silenzio immenso
della bellezza
 
6
 
Scritti, e di distanze, quei grafemi inviavano all’orecchio ogni fonema:
la stanza, l’accortezza del dito pigiato, la vista che a fine controllava
ogni movenza:
Venimmo qui, sembravano dirci, in punta di piedi e ora riassemblati ci riassumiamo
in tutti i nostri sensi.
Assunzione a menti, il pergolato macinava acini nuovi, acini messi lì,
pareva l’arcano, da più altra e generosa gente.
Smentire, s’offrire, riunire, ad attraversare, in mani, il buio col freddo d’una sera.
Il sito pullulava di voci strane, o almeno a te così pareva, data l’ora tarda
che spingeva di suoni, e in punti e virgole, dinanzi il verbo.
Verbo ci fu, potea ben dirsi a lo scolaro che di mattina presto alzarsi soleva
onde recarsi a scola, ma per noi, lì che già più anziani, quelle scole il giorno dopo
avrebbero fatto festa.
Festa ci fu così a la contrada, o almeno così pareva alla sua vista.
“Porto il mio fuscello zeppo di petali d’ogni rosa”, e s’avanzava a passi di nuova rima
la dolce e ancora giovine nuova donzella.
Orsù dunque tu Capitano, alzar volevi queste nuove vele, e noi così cercando ancor
di darvi forza.
 
                I
Non trasecolare o mio Capitano se all'interno del paniere ritrovi il mio pensiero, corollato di arguzia, ironia, sbadataggine lievemente imbiancata dagli anni...Purtroppo, sono così, mio Capitano. Ho provato a cambiare. Ho seguito aedi di alta cultura e da loro ho imparato la calma, ho perfezionato l'eloquio presso grammatici e pirati della filibusta, ho amato donne mature, giovani e brutte, con loro ho veleggiato tra lenzuola di seta, tra pagliericci di stalla e tra voluttuose spire di corne...E tuttavia, mio Capitano, non ho saputo fermarla...
 
 
7
 
C’era il cero certo
messo a sublimare il sopra
il diagonale velo strada di santi
sopra le teste sopra quei tetti
c’era il cero acceso apposta
e sotto l’epoca del voto
la richiesta il desiderio dei furti di grazie.
Dicemmo.
Si parlava e non si sentiva.
In pratica, soli.
Sopra le teste, sopra quei tetti
anche la pioggia.
 
Tutta la pioggia:
 
sui figli 
e sui figli di tutti i figli, 
come semina!, i figli dei figli
 
e sui padri,
su tutti i padri dei padri,
come braccia!, i padri dei padri
 
e sulle madri,
che fecero madri altre madri,
come fonda!, le madri che diede
la prima madre
 
nel ventre 
di tutta la pioggia
 
c’era il cero, un cero solo.
 
I
Madre leggera,
senza gonna...
Tra sorriso sporco di cioccolato
non ricordo nulla,
soggiogato con punte del quindici rido come un aquilone claudicante...
Veliero, padrone di cinghie squillanti in aria,
e pulsioni lente cloroformizzate rientrano negli amplessi notturni.
Madre sopita,
odorosa di amore incondizionato...
Ti troverò genuflessa e io ti parlerò senza capire.
 
8
 
In solo veleggiava ancor quella sua fiamma
che smossa, ancor pareva menar di luce ogni chimera
indi che poi vi ritornammo a menar preghiera
   - intanto volti e trastullar di verbi parivano, e sentivamo
                dimenarsi in altrui stanze -
e padri e madri a preparar calzette,
che poi era Natale, e tutti s’imprestavano a quelle sue bandiere.
 
Volgi fiamma, volgi a odor di cera a li venuti
al che sian di Magi re ogni parola, ogni promessa che di verbo
s’infiammi questa sera!
                     -  poi che ponemmo a riparar le stelle.
 
I
La stella lontano dal rifulgere. Colà, tra sabbie ondulate, s'incrociano passioni, fermenti, stoffe pregiate e dromedari che saltano cieli parlanti...Il Messia scavalca ogni tempo per giungere davanti al mondo, così privo di senso...Compito arduo, quasi impossibile...lo atttende.
 
9
 
Distanze, omissioni, paure, tempi
suoni
di esseri diversi
chissà
della via lattea
parli,
istanti.
 
Altrimenti del peccato originale taccia
d'un pomo
tra le foglie, messo là
eso dei succhi
 
esso, da quella proibizione
il perdifiato, il correre
le selle
il faticarne.
Così I-ogino il ciclo
della mela
 
10
 
Lirismo-neoromantico profetico,
sacrificio e ricerca
"fuori tempo"
dominio senza luogo
e senza età
 
Verità senza spazio
e circolare menzogna.
dubbio e certezza
nella bugia presente
Profeta e testimone
sui fogli di macerie
nell'ordine scomposto dei pensieri.
 
11
 
Rampico soglie e sgretolarsi, e piedi
tremanti che mi lasciano il bisogno estremo.
È la ricerca, mi racconti, ricerca della metamorfosi
il gradino dal quale poter gettare i perlomeno delle soste
un attimo ovvero.
Quando, e il dove, sognano
clamori
schiuse e vuoti ad un per una vita troppo intera, o corta.
 

 

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 9 utenti e 2692 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marco Galvagni
  • flymoon
  • ComPensAzione
  • ferdinandocelinio
  • live4free
  • Giovi55
  • gatto
  • Giovanni Perri
  • sapone g.