Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Juliobaf
  • ietus
  • Fuochino
  • Vito Marco Giuseppe
  • Fabio Como

'O fesso

'E vvote passo pe fesso e pe scemo overo.
Ogni cosa ca 'mme dicene ce crere.
Forse 'o ffaccio pe cummurità,
m'ammocche tanta strunzate e 'nquantità.
Già 'a guagljone, 'a dint'ê banche 'e scola,
 
'mme  dicevene:"guarda, 'o ciuccio vola."
J' 'o cercave 'o ciuccio guardanne 'ncielo
e cocche vvota ma no sempe; giuro 'o vedevo!
Quanno mme sfottene j' m'arrisente spesso,
cerco 'e fa' assaje 'o furbo e poco 'o fesso.
 
Faccio finta ca 'o fatto nunn'é 'o mio,
ma comme sempe chillo strunziato so' semp'j'.
Quanno sente 'e stroppele 'e cierta ggente,
ce crere 'nu pucurillo o quase niente.
Rispongo saputiello:"vuò pazzia'!"
 
"ma quanta fessarie staje a cunta'."
Ma po' succere ca comme sempe ce crere,
pure si 'o fatto 'nun me pare tant'overo.
Allora mme sente comme a 'nu cuoppo allesse,
pecchè m'hanno fatto ancora fesso.
 
Vulesse essere cchiù furbo, ma 'nun riesco
e ll'ate mme passene ll'acqua cavera pe ffresca.
Ma 'nun me faccio fa' scemo c'ô mellone russo.
Llà voglio assaggia' e pruva' c'ô musso.
Ma siccome ca so' fesso presto 'o fianco,
 
accussì 'o mellone comme sempe jesce janco.
Sarrà forse 'nu scherzo d'ô destino,
ma avoto, aggiro, passo sempe pe cretino.
Ma j' continuo a essere sincero e bbuono 'o stesso.
'Nun fa niente si pe ll'ate songo “o fesso”.

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 2897 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Raggiodiluna
  • Rinaldo Ambrosia
  • ferdinandocelinio
  • Marina Oddone