Babbo Natale | dialetto | Giovi55 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

Babbo Natale

20171217_083731.jpg
Babbo Natale
Ogni anno 'a stessa storia: vaco e vengo d'â Lapponia.
Me piazzo 'ncopp'â slitta e vaco sempe deritto.
'Ncuollo 'o vestito 'e sempe, ca s'è pure scagnato
e mme va 'nu poco astritto pecchè me so' 'ingrassato.
Me carico 'e regale ca 'e fullette hanno già 'ncartato:
spero ca p''a pressa 'e nisciuno m'aggio scurdato.
Ogni ghiuorno m'arrivene centenare 'e lettere, cartuline:
me scrivene 'a tutto 'o munno: gruosse e piccoline.
Cu 'o tiempo m'aggio 'mparato 'a scrittura 'e uno, 'e n'ato:
'a vista 'nun tanto m'aiuta, pe ll'eta assaje avanzata.
Però aggio riconosciuto 'a scrittura tennera 'e Nanninella:
me cerca comme a ssempe 'na pupata, 'e ccaramelle.
Che brutta calligrafia! E chesta è 'a lettera 'e Maria!
"Babbo Natale mio, 'nun me purtà sempe 'a stessa cosa"
"St'anno, si pe te va bbuono, vulesse truvà 'nu ricco sposo."
Chi me cerca pazielle, chi va truvanno 'nu diamante,
chi vo' 'na connola, chi 'nu marito, chi 'nu turbante.
Chi vulesse 'na bona ciorta e 'na vita senza patimente,
chi vo' 'na bambola, chi 'o pane, chi 'na varca, chi 'e diente!
Chi ha perso 'o posto 'e fatica e 'nun riesce a campà
e chi tene 'e rrendite spase 'o sole e fa 'a vita d''o pascià.
'A ll'Africa luntana luntana n'aucelluzzo mm'ha purtato,
'na busta 'ngialluta, sporca: tutta brutta e accartucciata.
È 'na lettera triste, assaje diversa a tutte ll'ate,
Rimango assaje perplesso: chi ll'avarrà mannata!
"Babbo Natale perduoneme, ma t'aggia a fforza cercà,
quaccosa ca nisciuno maje purtroppo me vo' dà."
"Putisse fa 'nu miracolo pe sconfiggere 'a malaria?"
"Nuje 'nun tenimme che magnà: ccà campammo d'aria!"
Leggenne chella lettera, me s'è astrignuto 'o core:
nisciuna recchia maje, avessa sentere 'sti pparole.
Ma j' che pozzo fa: vengo sulo 'na vota a ll'anno.
Si putesse, pigliasso 'a slitta e ghiesse sempe vulanno.
Accuntentasse femmene, uommene e bisognose.
A cchi n'ave necessità, 'o regnesse 'e tutte 'e ccose.
'Sta vota però ve voglio cercà j' a vuje 'nu piacere.
V'aggio lassato 'na lettera vicino 'o piatto, sotto 'o bicchiere.
Si' vedite quacche cristiano ca 'nun pozza accuntentà,
purtatancella vuje 'na cusarella, 'na parola pe cunfurtà.
Donate pace e surrise: nisciuno s'avessa maje 'ntristì:
criature, gruosse e anziane 'nun avessana suffrì!
Putissene purtà pe ssempe pace p'ê ccase, p'ê spitale?
Se putesse fa ca ognuno e vuje addeventa Babbo Natale?
Giovanna Balsamo

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 1993 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferry
  • ferdinandocelinio