Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • emanuele
  • Emma Di Stefano
  • Bowil
  • Juliobaf
  • ietus

“Comme nascette Napule”

Napule nascette pe n'ommo ca 'mpazzette.
Vve parlo 'e 'nu pittore ca pe spasso o follia,
'nu ghiuorno decidette 'e fa 'na pazzaria.
"Don Gaetà, ma che facite?" Curioso addimannaje.
"Don Gennà tengo che fà. E' 'nu fatto gruosso assaje!”
“Je voglio fà 'na cosa ca 'a ggente s'adda stupì”
 
'o munno addà parlà. Je voglio sbalurdì”
"Overo? che dicite. Ma nun facite guaje.”
'A verità. J' stesso llà pe llà 'o scunsigliaje".
Ma isso capa tosta, ahimè se 'ntestardette.
'O quadro accumminciaie e cunsiglie nun vulette.
Cu 'nna tinta blù e fra ciento tubette,
 
comme niente fosse 'o mare dipingette.
"Me serve ancora celeste. Nun tengo chiù culore.
Mme putite aiutà? V''o cchiedo pe favore".
"Don Gaetano bello. Je v''a desse 'na mano.”
“Ma addò 'o vvaco a piglià. Diciteme, è luntano?”
Ll'artista frasturnato e 'nnu poco sfastediato.
 
Dicette:" Va buo', mò vengo" e sparette 'nquartato.
C'aveva cumbinato, chillu miezo squilibrato.
S'era arrubbato 'o celeste e ll'azzurro
'e l'uocchie d''e ffigliole addormentate.
'A tela 'mpruvvisamente azzurra se facette.
Fuje accussì ca a Napule 'o cielo accumparette.
 
"Ma ll'avite fernuto?", dicette curiuso assaje
Isso senza dà risposta, mmanco me guardaje.
Scurgenno 'na cummara affacciata a 'nu balcone,
Don Gaetano apprufuttaje e nun perdette l' occasione.
'Nu cunto se facette, murmulianno fra sè e sé
"Je mmò ce provo: Veco si 'e pozzo avè."
 
"Donna Rituccia cara, dinto a 'stu panaro”
“Mettite 'o seno vuosto. Ve prego. E' pe nn'affare.”
"Nun ve l'avesse chiesto, ma vuje mme provocate”
“E mò ve ll'aggia dì. Perdunateme, abbondate."
"Carissimo Gaetano, vuje me lusingate.
“Certo ca v''o dongo." "Donna Ritu' acalate"
 
Chella pasta morbida c''o marrone ammischiaje.
"Don Genna', Chisto è 'o Vesuvio." Je mme' meravigliaje.
Nun saccio si svenette, restanno senza fiato.
Però 'nu fatto è certo. Je stevo stupetiato.
E pò quanta scugnizze scennettono p''a via.
Perfino Maria Betta fernette 'e fà 'a cazetta.
 
Tonino 'o sfaticato, sbuffanno se scetaje:
“Acchiappa chistu sbuffo" e Gaetano l'acchiappaje.
Accussì 'ncapo 'o Vesuvio, 'o pennacchio ce mettette.
"Guagliù, evviva Napule!", 'ntusiasta isso dicette.
Chesta è 'a storia 'e Napule. Ve ll'aggio cuntata.
"Mò stò 'nnu poco stanco. Ma forse aggio sunnato?"
 
 

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 2537 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferdinandocelinio
  • Antonio.T.
  • Giovanni Perri
  • flymoon