Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • emanuele
  • Emma Di Stefano
  • Bowil
  • Juliobaf
  • ietus

La santità delli santi

La santità delli santi
 
Un santo nun se crea dar nulla
c'è da sempre; da prima della culla.
Magara tra li vivi è 'n frescone, 'n demente,
sordato o prete, pur'anco 'n deliquente.
Quanno che però dice l'Eccomi ar Sommo Divino
Lui se lo raggira como 'n pedalino
e da poveraccio che era o fio de 'n drocchia
s'aritrova a da er nome a 'na parrocchia.
Dentro a 'n quadro famoso o senza prestese
prega la Madonna co' le mano tese.
O mentre der supplizio subisce le pene
lo vedi co' lo sguardo dorce, che nun je tange, je sta' bene.
Perdona chi l'ha trucidato
beninteso, perdona er peccatore, no er peccato.
Così se presenta davanti er pertugio der Paradiso
co' sor Pietro che je fa' co' beffardo soriso:
"Bello de casa se è vero che sula Tera
sofferto e tribbolato hai da matina a sera,
ortre le lodi e le preci
anco qui c'è so' spergiuri e parolacce, per quer che farai e che feci.
Perchè l'omini nun s'accontentino mai veramente
solo a quelli como voi  j'abbasta puro er gniente.
Aspettamio la fine delli tempi, la finale riunione
quanno che cor Creatore, saremio tutti in comunione.
A quer punto tutti saremio santi
e potremo finarmente magnà e beve co' li canti.
Dagli angioli e li puttini tutti in coro
sortiranno fora e cantaranno soavi:
ora che sete tutti boni e bravi
nun ce sarà più nessuno in croce come Cristo
Avete tutti er sigillo, dell'Abbacchio er Visto
e compatti semo come 'na pagnotta
a combatte er demonio, 'sto gran fio de 'na mignotta!"
 
Tutti i diritti riservati © sitoesterno@inwind.it
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 2051 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Rinaldo Ambrosia
  • ferdinandocelinio
  • numerouno
  • Bowil
  • luccardin