Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • emanuele
  • Emma Di Stefano
  • Bowil
  • Juliobaf
  • ietus

Er nonno e er Colosseo

Er nonno e er Colosseo
di Ernesto Rivabene
 
"Quanno annamio a vede er Colosseo?"
frignò sguajato er pupo ar nonno Eliseo.
"Svortamio l'angolo e poi ce semo, Cocco de nonno bello!
Primma in per di qua, poi pe' 'sto stradello, infrociamo pe' er vialone
e sguarcerai puro tu l'ater-ego der Cuppolone!"
D'un tratto er regazzino spalancò lo sguardo:
"Ma che davero? Anvedi quanto è grosso, anvedi  gajardo!"
"Nun te pià lo spaghetto: ansai quante ne combinaveno lì dentro..!"
- S'accese como 'no zorfanello er vejardo -
"Ortre le bestie c'ammazzavino, nell'arena li ner  centro
pur'anco ommini e 'n sacco de cristiani
e co' le mazze combattevino co' tutti; dai sorci ai nani.
Erino strani pe' fa contenti l'imperatori
e quest'artri facevino de tutto pe' dimostrà che erino li mijori,
anco de quelli che c'erino primma de loro,
intanto che li schiavi moriveno e loro sguazzaveno nell'oro!
Anco le vestali se ne stavino in ciavatte
mentre empivano la vasca co' l'acqua der Tevere
e co' le navi se mettivino a combatte,
se ne stavino co' 'n quartino de' vino ner bocaletto, a bevere!"
" Seee  co' le navi..Mo te stai allargà, nun di fregnacce.."
E gnacchete partireno dar vecchio du' sganassoni
"Nun di parolacce..
E me possino cecamme se dico 'na bucìa..Li vedi li ruderi? Li vedi quei segni e 'ste tracce?
 
Ce passavino li tubbi coll'acqua dei nasoni
e li riepiveno infino all'orlo li vasconi!"
"Si ma poi je riusciva tutta dalli buchi..
Je l'hanno fatti i bruchi?
 So'  popo  'na cifra..! " e prese a contàlli  colle dita.
" Che ciarafano che sei! Stai fresco a fallo così, nun te basterebbe 'na vita!
" A no' pensa che figata se qui dentro ce giocasse la maggica;
artro che Olimpico, artro che san Siro!"
"Come mossa sarebbe davero strateggica:
ma ce pensi se Totti sbaja un tiro?
Tutti cor pollice verso e lui nella gogna
e como se nun bastasse la squadra inzozzà nella Cloaca Massima.."
"Indove ?" -Blaterò er pischello co' 'na voce assaissima-
Infortì er nonno:"Nella fogna!"
E se fecero in coppia 'na grassa sganasciata.
"A no' ma com'è che ora stamo così in mutanne
mentre che primma eravamo li mejo , e Roma era così granne?"
Serio in grugno e co' 'na ruga strascicata:
"Er tempo  detta le leggi e nun ce so' santi in Paradiso
se primma sei er primmo poi finisci in panne.
Er Romano  ar principio regalava er soriso:
quanno che conquistava 'n posto novo,
je 'nsegnava a legge' e scrive'.. je dava puro la legge:
di modo che co' la gallina se pjava puro l'ovo!
Così puro loro la potevino , anco nei confini più remoti, protegge..
Anco er burino nun era più fregnone ma un gran'  fico!
La pacchia finì quanno che,ora imparato, er nemico
prese a comannà sui sette colli
L'esseppiqquerino era appagato e stanco
dar potere e dalle chiacchiere de' polli
 picchiò sur capoccione e cedette  er fianco!"
"Che rogna però..me sarebbe piaciuto rimanè der monno er più tosto!"
Sortì er pischelletto  arripensando alli tempi andati e alla cultura
"Evvero! De quer primato ce so' rimaste solo 'ste quattro mura.."
-rincarò er rodimento de dentro" Piuttosto..
abbisogna sperà che la tua generazione possa arifà granne  'sta nazione
o perlomeno ridà la dignità alla nostra città de cui se sente er sentore, l'aroma
ma che da semper impregna tutti ner core n'emozione
ecchè s'accolla spavarda sur groppone 'sto granne nome: Roma!"
 
Tutti i diritti riservati © sitoesterno@inwind.it
 

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 2381 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • gatto
  • flymoon
  • Antonio.T.
  • Giuseppina Iannello