Scelti per voi

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Whiteswan
  • bluscuro
  • Schiappa71
  • perseo17
  • Nadia C.

Er cionnolo der Re

Er cionnolo der Re

di Ernesto Rivabene
 
Venne er tempo de trovà un nuovo re giovine e gaijardo
er vecchio stava ‘no straccio sempre alletto
era como ‘na stecca de bijardo.
ma certo nun smagriva d’intelletto.  
 
Passarono ‘na cifra de gallinacci coi blasoni sur petto
tutti a sperà d’avecce ‘na bona sorte
magara pure a letto,
co le signorine de corte,
de scorrazzà senza creanza, 
col brillocco in su la testa.
drentro alla reggia, indrentro  ogni stanza,
insomma, de potè fa sempre festa .
 
Quanno che nun era ancora scrocchiazeppi
e nun c’aveva gniente insùlla  capoccia,
bello era como er foco sulli ceppi.
Como er boccetto colla boccia,
le zitelle de rango je stavino adosso;
se trastullava co’ loro, si.. ma nu’ j’annava appresso.
Pè lui l’amore nun era ‘n gioco..
Solo pe’  Rosetta pijava foco!
Lei era indegna però, era ‘na servetta
E tutto de niscosto facevino, sempre de fretta
Sur bardacchino la colazzione ogni matina je portava
pe’ pulì la stalla elli cavalli lo aiutava,
e immentre lui cacciava pe’ addestrasse o pe’ diletto,
intravedeva, de’ ritorno dalla giostra, er di lei musetto
perché c’era di  lei l’afrore sulla finestra
che je copriva la parte destra.
Core a core se trovareno adosso
‘na sera nel fienile cor fiato grosso,
felici come du’ innamorati veri.
Ma primma c’erino li doveri!
 
Er giorno doppo lui partitte a combatte giù  ar confino
co ‘  ‘na catena d’oro che scintillava
sempre ar petto pe’arricordassela .
 Puro lei portò seco er cionnolo che brillava,
ma  anco  ‘na panza gonfia cor bambino,
e pe’ nun rompe nel maniero la creanza , pensò de svignassela..
 
Er principe arritornato vincitore, entrò ar palazzo,
a cercalla, como ‘n pazzo, sempre de corza
in ogni bucìa, puro sul terrazzo
Ma  lei nun c’era più, se n’era annata via lontana co ‘na borza.
 
Inortre ar danno puro la beffa, ‘na promessa,
sortita dar padre pe’ assicurasse ‘n nonprusurtra d’alleanza:
de sposà  la di lui figlia, vedi principessa,
pe’ garantì der futuro er regno e fijolanza.
 
Spallidido nell’animo e cor viso sperso ar vento,
se concedette sposo  senz’amore,
fiero in pubblico eddi  drentro spento,
col ner braccio la moje nobbile ma cor core artrove.
 
 Schiattò puro la reggina de azzuro sangue,
senza  lascije alcuna prole tralle braccia.
Solo come ‘n chiodo co’ appeso ‘n ‘assillo che je langue:
il di lei sguardo, quello de Rosetta,  chess’affaccia.
 
Lei  da ‘na marchesa se rifuggiò doppo l’esijo,
a  servilla stette pe’ lunga data.
E fece de tutto pe’ fasse benvolè cor fijo
tanto che er pupo cor marchesino fece cordata.
Studiato, saputo, bello e radioso,
crebbe e quanno che fu che il re cercò er regnante
da scudiero je fece al marchesino, invero invidioso,
d’un servo de’ lui dappiù prestante.
 
Prima der congedo, je mise er cionnolo suo nella capezza
e je disse: “Fijo mio, portilo co’ fierezza,
è ‘n cionnolo che tu padre me dette pe’ nun scordallo
te proteggerà, insieme a santa Pupa, ner viaggio
e se pe’ caso il re lo vederà  e te dirrà: Chi è stato a te a dallo?
Risponni : Viè dar core de Rosetta!..Va adesso , su coraggio!”
 
 
 
“Strano ‘sto messaggio che mamma m’ha proferito a braccio..
 Er marchese ce starà d’innanzi al sire,
mica ‘sto poraccio!!”
penzò, in sè stesso ,  poi  er cacio prese colle pere
e allo spatoccà della mezza se congedarono  cor fardello
verso la città indove che il c’era er castello .
 
Ma nel mentre che erino in viaggio
er marchese sbottò ingrugnito: “Mannaggio!”
“Chevv’è preso marchè? Ched’è ‘sto eco nelle ‘recchie?”
“Nun vojo addivenì  sovrano , ce so ‘n sacco de rogne,  troppe..parecchie!
Ma co’ ‘sto rango nun posso manco rifiutamme.
Quanto butterebbe ’ sto lustro in dele fiamme
Nun vojo  avè preoccupazioni de sorta, 
beato a te che me sei de scorta!”
 
Poi ‘n lampo je frullò ner cervello.
Ariposò er cavallo e proferì  co’ ‘na faccia de martello:
“ E se pijassi tu er posto mio e me facessi io scudiero?
In fonno puro tu sei  gajardo como ‘no sparviero.
Studiato lo sei e a cavallo ce sai annà..
Eccote servito..ora puro tu poi comannà !“
“Sempre ar fianco tuo so’ stato, t’ho asservito fedelmenne..
Nun giocà su.. nun m’offenne..”
Provò a risponne lo sventurato scudiero.
“ E’ deciso, ardunque: tu sarai quel che io ero
il re a te darrà lo scettro der potere
e mentre tu sarai schiavo der dovere
a me darrai le pupe e li bajocchi
Se provi a dì quarcosa je dimostro che so’  io er fijo de mi madre
E che tu solo er fijo de ‘na sciacquetta e senza padre..
Ce lo sai la sorte che te tocca se li pij pe’ li fondelli:
uno ad’ uno te tireranno fora tutti li budelli!”
 
Co’ ‘sto scambio forzato  de valenza
andettero in come saette verso la sovrana  presenza.
Lo scammio ce fu delle sembianze
e se imbucarono man mano in del stanze
e quanno che furono d’innanzi a sua artezza
se prostrò er fijo de Rosetta  co’ prontezza.
 
“ Dimme de chi sei fijo ber giovinotto?
Me pareva de sapelli tutti i visi dei scapezzacollo de’ reame,
invece a te nun t’ho veduto mai.. indove che c’hai er lotto?
Da quale arnia provenghi? Da quale sciame?”
“Vengo dar confino, propio in dove lei combattette,
 vinse,  dappoi la marchesìa  annettette”
“Che ve rode ancora, che v’ho pijato?”
“No no, ce mancherebbe! Anzi dalla fame c’avete sarvato!
Chicchessìa ve rende grazie e ve stima,
ve dirrò, anco più de prima!”
“ Che bella nòva che m’arrechi, er core mio s’engrossa,
tu sei l’unico che nun t’intimorisci davanti a ‘sto pelleossa.
C’hai solo ‘na marca e re nun potrai da esse, pazienza..
Aoh, vieqquà, avvicinite,  te vojo fa ‘na confidenza:
avessi avuto ‘n fijo propio come te l’avrebbe voluto de sembianza..
Prima che me pij er coccolone vattene sennò me scanno,
esci fora che devo prenne ‘na decisione grossa, chiudi puro la stanza.”
Er finto marchese fece pe’ obbedì ar comanno,
quanno trafilò  ‘n filo de luce che je corpì er cionnollo,
quello d’oro sur collo,
quello che su’ madre j’aveva reso.
“ Ched’è quer cionnollo? Quel ninnolo.. nun è tuo, de chi è? Indò l’hai preso?”
“Viè dar core de Rosetta..”-rispose commosso.
 “Rosetta?! Nun è possibile! Nun pò esse’ vero..ched’è ‘sta storia? Crede nun ce posso..”
“Eddà quanno chessò pupetto che cell’eva addosso!”  disse co’ filo de fijato
“Destino bojaccio! Fusse che fusse oggi m’addiventa grato..
“ Eddimme chi è tu padre? Così tanto pe’ gradì..”
“Ecchì lo conosce..”-In quer mentre se tradì..
“Te stà a buscherà sire, è ‘n poraccio”
Proferì il marchesino pe’ tojese dall’impaccio
“ Chevvòle st’albero de Pasqua, che s’entromette ‘sto burzugno?”
Solo chi c’ha er cionnolo parla d’innanzi a ‘sto grugno!”
Uscì fora così l’istoria dell’inganno ar regio signore provocato,
ecchè der pennolo  s’era puro scordato.
“Fijo mio, quanto sei fregnone, pensa che ‘sto coso t’ha sarvato!
Viè qua fatte vède: ce lo sapevo che er sangue bono  nun mente.
Rimanna ar confino quer marchese manichino,
mentre tu  rimanime affianco chettè  faccio re imminente.
Chiamime puro tutti li servi a fatte fà l’inchino,
poi mannamoli a prenne de corsa tu madre che appena arriva mela sposo,
così riparo ar danno e in pace coll’amata m’ariposo.
E, se campo ancora, famo festa , in giro cor carrozzo
 Giramio tra er popolo e ce spartimio co’ loro tutto er cannellino giù ner gargarozzo!!
 
 
Tutti i diritti riservati © sitoesterno@inwind.it
 
 

Cerca nel sito

Calendario 2017 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 7 utenti e 2613 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin
  • bluscuro
  • Ezra blacke
  • Eleonora Callegari
  • gatto
  • live4free
  • Antonio.T.