Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Fuochino
  • Vito Marco Giuseppe
  • Fabio Como
  • Volto di luna
  • numerouno

La formica e la cecala

(omaggio a Esopo)
 
Una formica che s’arampicava
su ‘n arbero pe’ mugne li pitocchi
sentenno ‘na cecala che cantava
gegè gegè gegè, strbuzzò l’occhi
e je disse: -Pensieri ce n’hai tanti…
vorei sape’ si pe’ che cazzo canti.
 
Ma nun te l’ha insegnato er padreterno 
che ‘sta vitaccia è fatta de lavoro
e che devi pensa’ pure a ‘st’inverno;
che hai d’ammucchia’ riserve pe’ er ristoro
de quanno nun se trova più la sbobba?-
-Lavora tu, che te verà la gobba.
 
Mentre che tu lavori io intanto
me ne stò qua sull’arbero agguattata,
ringrazio dio che nun m’ha dato er pianto
e me diverto a fa’ ‘sta serenata
e che ogni tanto posso spicca’ er volo
pe’ anna’ su un artro ramo a fa’ un assolo.
 
Fatica tu che già ce sei tajata.
Mentre che tu t’ammazzi de fatica
preferisco sta’ ar sole qua sbracata
mentre che tu, mia povera formica
p’arimeddiatte er pranzo co’ la cena
t’ammazzi de fatica. Me fai pena!-
 
Ma la formica nun sapeva mica
che la cecala cià la vita corta.
Fece finta de gnente la formica
continuanno a riempi’ la sporta.
E infonno la morale, che ce dice?
Mejo campa’ de meno ma… felice!

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 2840 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free
  • ferdinandocelinio
  • Antonio.T.
  • Salvuccio Barra...