Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Airone
  • Felice Di Giand...
  • Antonio Mario
  • Poeta Errante
  • FarfallaBlu93

Omaggio alla letteratura Partenopea

Omaggio alla letteratura Partenopea
Prosa, poesia, teatro, canti napoletani hanno un fascino particolare che unicamente questa terra partenopea produce e fa incantare coloro che leggono o ascoltano quelle celebri canzoni.
Ricordo Antonio Cristofaro, che un paio d’anni fa usava donarci, qui su Rosso, i suoi lavori. Le sue storie avevano un particolare colore locale, tanto che leggendole, con occhi socchiusi, si poteva intravvedere nello sfondo quegli arguti personaggi, così tipici nella letteratura partenopea.
Si divenne amici allora, e ci scambiavamo messaggi e di lui ho una cara memoria. Poi mi sono assentato dal sito per un periodo piuttosto lungo e l’ho perso di vista.
E` per l’amicizia di allora che un giorno fui rapito da una sua poesia (intitolata “A mia moglie” Ebbi l’ardire di cercare di tradurla nella lingua Inglese anche se non conosca il dialetto Napoletano, ma credo di essere riuscito a raccogliere lo spirito di questi versi napoletani poiché noto con piacere che ha raccolto su sito di Rosso oltre un migliaio di letture.
La ripresento per tutti i nuovi lettori su questo sito.
NOTA: A tutti coloro che mi hanno letto e commentato nelle ultime settimane chiedo scusa se non ho posto il mio ringraziamento e la mia risposta. Discus, è scomparso  dal mio blog, e sebbene abbia chiesto aiuto alla redazione per reinserirlo, non ho ancora avuto un valido aiuto in merito.
 
Scritto da © Carlo Gabbi - Lun, 11/03/2013 - 18:42
Love is the eternal word, which every day is used and misused by many, but I feel that seldom happens we can find the real love! Only through my dear friend, Antonio Cristofaro, reading the poem he dedicated to his wife, I came to understand how strong and real  love can be.   
 
 To My Wife (who was one of my Pupils)
 We eat a soup of clams in Marsellino
with two panzarotte and wine,
a fried pizza (filled our belly)
topped with ricotta and savoured lard,  
and my guagliuncella was sweet and fine.
 
My dear friend, its nothing else to do
But to be able
to keep on living
you don’t need much, but  have youth
which runs away
and never ‘ll be back again,
and never ‘ll be back again!
 
A sweet “Margherita” at the Marchese
Its where we go at month end
and my guaglioncella happily lough
and it looks like is always carnival
giving back her never ending love.
 
My dear friend, is nothing else to do
But to be able
to keep on living
you don’t need much, but  have youth
which runs away
and never ‘ll be back,
and never ‘ll be back!
 
A stroll along the seaside
And my guaglioncella closed to me
giving the look as when she was at school
while a smiling sun
made me sight with relief.
 
My dear friend, is nothing else to do
I’m now telling you, so you will know
You ‘ve to learn well
And do as I do, and today I’m,
I’m better than a king,
And I’m better than a king!
 
 La parola AMORE, nello scrivere, è usata in dismisura e a volte, leggendo alcune poesie ricevo l'impressione opposta che mi fa credere che il vero amore non esisti.
E` unicamente leggendo i versi di Antonio Cristofaro che ho l'evidenza di come possa essere il vero amore di un uomo riversato verso colei che è il suo unico amore, sua moglie.
 
A mia moglie (era una mia allieva)
‘Na zuppe ‘e cozze abbasee Margelline,
duie panzarotte e nu bicchiere ‘e vino,
‘na pizza fritte e che te jenghe ‘a panza
chiena ‘e shiuseille e chiccioli in fraganza.
‘na bella guaioncella doce e fine.
 
 Amico mio nun ce sta niente a fa
te ‘a fa capace
che per sape’ campa`

ce basta ‘o poco , o poco ‘e gioventù

che fuje sempre

e non ritorna a cchiu`.

E non ritorna a cchiu`!

 

‘Na bella “Margherita” addu Marchese,

addo` me porto sempre a fine mese

c’a guaglioncella che ride e vale

e sempre fa pare` ch’è Carnevale

e che me done ammore senza fine.

 

Amico mio non ce sta niente a fa

te ‘a capace

che per sape` campa

ce basta ‘o poco ‘o poco e gioventu

che fuje sempre

e nun ritorna cchiu,

e non ritorna cchiu!  

Na passeggiata a riva e ‘o mare ‘e faccia

E “a guaglioncella mia dint” a ‘sti braccia

Ca me surride comme fosse  a ‘ scole

Mentre pa` strada sta redenne ‘o sole

E che me vasa suspiranne in fine

 

Amico mio nun ce sta niente a fa

Io mo t’o dico e mo te l’he a ‘impara`.

Imparete buono

E fa tu comme me

Che oggi io songo

Songo cchiu ‘e nu re,

e songo cchiu` e nu re.

 

 

 

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 9 utenti e 2731 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marco Galvagni
  • flymoon
  • ComPensAzione
  • ferdinandocelinio
  • live4free
  • Giovi55
  • gatto
  • Giovanni Perri
  • sapone g.