Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • emanuele
  • Emma Di Stefano
  • Bowil
  • Juliobaf
  • ietus

Introduzione e Capitolo Uno Parte Uno di "An Amazing Story" (Italian version)

Una nota introduttiva:
Quanti di voi hanno mai sognato di andare in un paese lontano e pieno di attrazioni qual è il Brasile?
Quello è stato per lungo tempo uno dei miei più grandi desideri, ma hanno dovuto passare molti anni prima che le opportune condizioni si presentassero e potessero dare via alla possibilità di realizzare questo mio sogno.
Ero poco più che cinquantenne, quando fui costretto a terminare il mio lavoro remunerativo, a causa di una disfunzione che produceva una rapida crescita in un organo vitale, di polipi cancerogeni, obbligandomi a continue operazioni, ponendo in grave rischio la mia vita. Occorsero anni prima di poter debellare questa disfunzione e alla fine, dopo aver scampato a questo pericolo, ebbi modo di ripensare al mio futuro.
Era tempo di ritornare a quei sogni passati di concedermi una lunga vacanza all’estero che ora era divenuta possibile. La mia salute era migliorata, ero libero da legami famigliari e di lavoro, lo stato finanziario era discreto che mi permetteva una meritata vacanza, e avevo pure a disposizione tutto il tempo che volevo.
L’ultima cosa e che mi fu di grande aiuto, fu d’avere recentemente stretto un vincolo d’amicizia con una conoscenza di Rio de Janeiro, che mi aveva promesso di dedicare buona parte del suo tempo libero per essermi guida nel visitare quanto di meglio vi fosse in Rio e dintorni. Mai da solo avrei potuto addentrarmi entro la cinta della città e scoprirne tutti i suoi segreti. Elza (la mia amica) fu colei che fu capace di illustrarmi tutte le meraviglie, in modo alquanto erudito, conoscendo minutamente tutte le facezie cittadine.
Fu in questo il modo che incominciò la mia avventura brasiliana.
Molti anni più tardi trassi spunto da queste esperienze in Brasile per narrare, le mie impressioni di questa città  nel primo capitolo del mio romanzo “An Amazing Story”.  Naturalmente non tutto quanto racconto fu parte della mia vita, ma fu con l’aiuto di Elza che durante quei mesi trascorsi in Rio che potei assimilare le abitudini di quel popolo riguardanti arti culinarie, culturali, storiche, economiche e climatiche.
Non avrei mai potuto desiderare di meglio, tutto mi fu dato gratuitamente dalla generosità e amicizia da parte dei molti che incontravo giornalmente. 
Vivere in Rio e nel resto del paese fu per me una fase informativa intermedia e decisiva della mia vita che mi condusse alla scoperta di una nuova futura attività.  Fu, infatti durante  il viaggio di ritorno in Australia che venni alla decisione di dedicare il mio tempo libero allo scrivere. Naturalmente occorsero lunghi anni prima di sentirmi pronto a pubblicare alcuno dei miei scritti. Penso che siano pochi coloro che nascono con il talento di scrivere e ben si sa quanto agli altri costi fatiche a condurre i primi passi su questa via!
Pubblicai nella lingua Inglese, “An Amazing Story”, nel 2008 negli USA e ricevetti buoni commenti sia da parte di critici e dai lettori, e tutt’oggi il libro si trova ancora sui banchi di librerie straniere. 
Il racconto inizia in Rio, che vede in seguito l’eroina della storia trasferirsi in Sydney, Australia, attratta da possibilità di successo che purtroppo mai raggiungerà. Con l’inoltrarsi nella storia conosceremo gli avvincenti problemi dei due protagonisti, Dolores e Thomas. Lei, priva di aiuti, è costretta per sopravvivere a divenire una prostituta, e fa ciò nella ricerca di un frettoloso e necessario guadagno per poter ritornare una donna saggia al suo prossimo rientro in Rio. Thomas invece è un famoso giovane fotografo di Sydney, che è demoralizzato dalla sua incapacità di trovare e credere che il vero amore possa esistere per lui.
Il fato li pone l’uno di fronte all’altra e da questo incontro si vede nascere quell’amore impossibile, attraverso le molte vicissitudini che li circondano… Così la storia continua, passo dopo passo, per concludersi alla fine in Brasile, dove tutta la storia era iniziata.
Non ho mai presentato ai lettori di Rosso alcun capitolo della seconda parte di questo mio romanzo, (ma mi riprometto di farlo al più presto). Leggendo tra le pagine di questo romanzo si trovano note interessanti di vita reale, di come si presenta ancor oggi la vera vita all’interno del Brasile. Rispecchia quel popolo che vive lassù tra le foreste dell’Amazonia, dove Thomas e Dolores furono spinti per un reportage fotografico, da presentare al loro ritorno nel mondo civile e far conoscere all’Occidente quale sia la vita di quei indiani che ancora sopravvive nelle foreste dell’Amazzonia.         
   
 
 
 
 
                                            An Amazing Story 
Tutto incominciò a Rio
Capitolo uno, parte prima

 

Arrivai a Rio oltre quindici anni orsono come responsabile di lavori d’Ingegneria Civile per una ditta di costruzioni Australiana. Quando dovevo discutere gli affari riguardanti tali lavori con le amministrazioni locali e non conoscendo bene la lingua locale, avevo bisogno di un interprete. Fu in quel modo che venni a conoscere Joaninha Delacruz, un insegnante la lingua Inglese in un istituto privato e che, qualora richiesta nel disbrigo di affari locali, si prestava come interprete. Quando venni a conoscere Joaninha era poco più che trentenne e ben rappresentava la tipica donna Brasiliana con un corpo flessuoso e armonioso che la rendeva particolarmente bella. Vestiva abiti attillati, che ancor più davano risalto alla sinuosità del suo corpo. I suoi capelli, erano di color castano scuro che le scendevano sulle spalle accarezzandole leggermente. Gli occhi emanavano una luce smeraldina, intensa e penetrante, che sapevano sorridere all’interlocutore. Il rossetto, sulle sue labbra carnose, era rosso corallino, che ben armonizzava con il resto del suo maquillage e poneva in risalto la sua carnagione olivastra.   

Mi sentii attratto a lei sin dal primo momento che la vidi, non solo per la sensualità che emanava da lei, come pure la piacevole sensazione di essere in sua compagnia. Ben presto  fu facile scambiarci pensieri amichevoli che ci aiutarono ad accrescere la nostra confidenzialità.  Un giorno, preso dal desiderio di conoscerla più profondamente mi venne spontaneo dirle,

“Penso che tuo marito si senta orgoglioso di avere una moglie bella e intelligente. Molti uomini si sentirebbero lusingati di condividere la vita con una donna magnifica quanto te.”

Vidi spuntare sul suo viso un sorriso malinconico e un singhiozzo soffocato fu percepibile. Sussurrò, “Purtroppo devo dire che il mio matrimonio è crollato due anni fa. Ritornavo da Los Angeles da un convegno del Rotary Club, e rientrando a casa, trovai mio marito intento a amoreggiare con una giovane sgualdrina appena quindicenne. Mai mi sarei aspettato questo da lui, dopo  un decennio che si viveva assieme. Come poteva tradirmi con una così poco di buono?”

“Sono spiacente per te, Joaninha.”

“Purtroppo, questo è un fatto comune qui in Brasile. Noi donne, siamo di gran numero superiore al sesso maschile. Perciò i maschi locali, si sentono provocati da donne desiderose dell’amore maschile e sentendosi avvantaggiati, ne approfittano. Sicché noi povere donne sposate, siamo costrette a lottare con tutto quanto è a nostra disposizione per trattenere vicino i nostri mariti e sottrarli dalle fauci delle mille tentatrici desiderose di aver un amante anche se è per una sola notte di amore.”   

“Penso che tu avrai cercato di salvare il tuo matrimonio con tutte le forze a tua disposizione.”

“Feci quanto più mi fu possibile. Purtroppo ho sempre dovuto mantenere una sobria apparenza di fronte al mondo esterno, come si addice per il buon decoro famigliare e senza incrinare la professionalità del mio lavoro.”

Feci comprendere a Joaninha come mi sentissi solidale con lei e dal quel giorno, i nostri rapporti  divennero più amichevoli e in quel nuovo calore ci scambiavamo notizie personali riguardanti le nostre famiglie. Dopo aver terminato il nostro lavoro, si andava in un caffè locale per sorbire un piccolo rinfresco, e tra il nostro chiacchiericcio, io usavo ascoltarla con piacere, mentre mi illustrava la vita reale Brasiliana, con i mille misteri e fatterelli sulle loro tradizioni, tramandati sin dal giorno che i civilizzatori Portoghesi presero possesso di quel vasto territorio.

Discutemmo su molte facezie sui costumi locali e fui affascinato nel conoscere come fosse interpretato il cattolicesimo dalla comunità creola, particolarmente quella che vive alla periferia dei centri urbani.

Ero avido di apprendere quell’aggrovigliarsi di misteri che iniziarono con i primi negri Africani che arrivarono in catene su brigantini maleodoranti e che, al loro arrivo, venduti all’asta sulle piazze locali ai nuovi coloni portoghesi, che sin dal loro arrivo si erano impossessati d’immense proprietà terriere.

Imposero molte cose ai nuovi arrivati, e tra queste era l’obbligo di adottare il credo religioso dei nuovi padroni. Come schiavi non poterono apertamente ribellarsi a quei voleri, ma con furbizia, per non abbandonare le loro divinità selvagge e piene di divinazioni e sortilegi, simularono di accettare il nuovo credo, ma fecero null’altro che cambiare il nome delle loro divinità Africane con i nomi di santi Cristiani.          

 Joaninha mi parlò pure di quanto importante fosse, per il popolo locale, i festeggiamenti del  Carnevale e di quanto questi fossero ricchi in tradizioni all’interno del paese, rispetto a Rio, poiché questa festività furono mai corrotte e mantenevano in vita gli originali festeggiamenti pagani, importati dall’Africa con gli schiavi giunti al principio della colonizzazione.

Un’altra volta mi parlò di come questi festeggiamenti possano influire sui partecipanti.

“Hai notato di come a Carnevale i festeggiamenti sulle strade possano influire sulle donne che appaiano in preda ai demoni della lussuria? Instancabili ballano per giorni interi i ritmi indiavolati della samba, e in questo modo cadono preda di una frenesia sessuale, che è ancor più accresciuta dai fumi alcolici del rum, che in tali occasioni è bevuto in abbondanza. Poi. in modo sfrenato, si copulano senza ritegno con sconosciuti che danzano assieme sulle strade. Purtroppo tutti chiudono un occhio, poiché durante il carnevale tutto è ammesso e accettato di buon grado. La libidine imperiosa va incolpata al sangue Caliente delle donne Brasiliane che durante il Carnevale danno liberamente sfogo ai loro desideri sessuali.”

“Interessante davvero, quanto mi dici, Joaninha. Penso che la vostra vita sia molto in contrasto con le leggi castigate della vostra dottrina cristiana. Durante gli anni che vivo in Rio, solo ora comprendo i mille contrasti esistenti nella vostra personalità.”

“Per comprendere meglio i nostri problemi devi prima di tutto conoscere di quanto in Brasile il Voduismo sia radicato sin dall’arrivo dei primi schiavi dall’Africa.”

‘Ricordo d’aver letto con interesse un articolo che parlava di come il Voduismo vada a mano a mano con la locale cristianità. Diceva che la chiesa cristiana fu costretta in un compromesso con la popolazione meticcia locale, e alla fine, per il buon vivere, accattare velatamente che quella primitiva religione convivesse con il cristianesimo. Solo in quel modo, il potere temporale della chiesa poté stabilirsi sopra quegli accoliti.”

“Vero quanto dici, Bill. Visitando i villaggi all’interno è possibile notare come questi contrasti esistono e comprendere di come i due culti divennero accettabili sia al popolo primitivo come pure a quello cristiano.”

“Più che mai sono preso dal desiderio di visitare quei villaggi interni del Nord. Penso che quelle celebrazioni diano via libera alla magica credenza dei popoli africani, piena di colore e ancor più intossicante bella.”

“La celebrazione di quelle feste avvengono nottetempo e all’aperto, nei cortili delle chiese locali, dove precedentemente gli accoliti hanno arrangiato fiori, candele e dove si notano innumerevoli offerte di monili e ornamenti che sono stati creati con la loro fervida immaginazione. Cantano e danzano sotto un cielo brillante di stelle, mentre si ode null’altro che il rullio frenetico d’innumerevoli tamburi. Tutto giunge all’apice quando la sacerdotessa celebrante quel rito pagano, cade in trance e, in preda di visioni celestiali predice il futuro a tutta la congregazione.”

‘Deve essere intossicante mescolarsi a loro. Mi è stato detto che il carnevale è l’occasione migliore per partecipare e comprendere l’euforia nel folclore mulatto.’

“Si, Bill. Le celebrazioni al tempo del Carnevale è il migliore. I mulatti impazziscono, presi dai ritmi improvvisati dei musicanti, che propagano la musica come una linfa vitale che scorre nelle vene come fiumi in piena. Quella musica si sperde veloce tra il pubblico come lo è l’impeto di temporali estivi. Non occorrono strumenti musicali poiché è null’altro che il ritmico battere di un bastone trattenuto tra le mani, che batte sopra un vecchio bidone di lamiera stretto tra le ginocchia. Ma quei ritmi dal nulla vanno in un crescendo di suoni, ingigantendo sinché la musica diviene una droga intossicante. Le sambe improvvisate dai primi suonatori sono infuocate, e vengono raccolte in lontananza da altri improvvisati suonatori che con il loro rullo di tamburi, fanno eco, con ancor più assordanti note, che si moltiplicano all’infinito con suoni intossicanti, che scendono entro le vene dei presenti. Tutti sono quindi presi dalla frenesia e la moltitudine si scatena, all’udire la musica, sui cortili di terra battuta delle chiese, dove danno inizio a danze senza fine.”

“Sicché è tutto vero! La musica brucia nelle loro vene. E` droga che scende e brucia nelle loro vene, tramutandosi alla fine in orgiastiche scene sessuali?”

“Si, Bill, quello è  il vero Carnevale che è vissuto nei sperduti villaggi del  paese. E` parte del colore e folclore locale. Sono coloro che conoscono la magia delle sambe, poiché la musica è innata in  loro. Tu hai partecipato alla maestria del glorioso Carnovale in Rio, ma posso dire che quanto viene celebrato in Rio è null’altro che un’attrazione turistica creata per lo svago dei ricchi turisti che provengono da ogni angolo del mondo.

Ma ora devi scusami, Si è fatto tardi e devo andare. Ti prometto che ritorneremo su quest’argomento al più presto.”

 

 

 

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 2061 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Rinaldo Ambrosia
  • ferdinandocelinio
  • numerouno
  • Bowil
  • luccardin